ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading

Schede di Pediatria per Famiglie

per la salute del tuo bambino

La quinta malattia nei bambini: sintomi e terapia

La quinta malattia (o megaloeritema infettivo) è una malattia esantematica dei bambini che si manifesta con arrossamento alle guance ed eruzione al corpo; è causata dal virus Parvovirus B19.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

La quinta malattia (o megaloeritema infettivo) è una malattia esantematica causata dal virus Parvovirus B19.

Come si contagia la quinta malattia?

Attraverso un contatto diretto con il muco o la saliva del paziente infetto, oppure con le goccioline respiratorie emesse con la tosse, gli starnuti o anche semplicemente parlando. Il virus penetra attraverso le mucose delle vie respiratorie superiori. Il picco di incidenza si verifica in primavera. Colpisce in particolare i bambini in età scolare.

Dopo quanto tempo dal contagio si manifesta la quinta malattia?

In genere dopo un periodo di tempo tra i 4 e i 14 giorni ma si può arrivare fino alle tre settimane.

Come si riconosce la quinta malattia?

Solitamente non compaiono sintomi premonitori e la febbre è assente o di grado lieve. quinta malattiaDopo pochi giorni compare la tipica eruzione cutanea (in termine medico esantema) che interessa dapprima il volto, in particolare le guance: queste appaiono molto arrossate, calde al tatto, come se il bambino fosse stato schiaffeggiato, mentre la cute è pallida sul mento, sulla fronte ed intorno alla bocca. Successivamente compaiono macule-papule, cioè macchioline lievemente rilevate al tatto, di colore rosso, che interessano il tronco, le natiche e gli arti superiori ed inferiori. L’esantema, che causa spesso prurito, si attenua con il tempo divenendo più pallido al centro e assumendo un caratteristico aspetto a merletto. Non è presente desquamazione. La quinta malattia dura in media 11 giorni, con un minimo di 2 giorni ed un massimo di 4-5 settimane. Nelle settimane o, a volte, nei mesi successivi può ricomparire l'esantema in occasione di bagni caldi, di stress emotivi, di esposizione al sole o di attività fisica intensa.

Quali sono le complicazioni della quinta malattia?

Normalmente nessuna. Negli adolescenti e negli adulti può causare dolori articolari o vere e proprie artriti. In bambini affetti da anemia amolitica cronica (ad esempio, anemia falciforme, sferocitosi, ecc.), può causare crisi di aplasia, cioè infettare i precursori midollari dei globuli rossi e peggiorare l'anemia

Per quanto tempo il bambino è contagioso?

Dalla settimana prima dell’inizio dei sintomi fino alla comparsa delle manifestazioni cutanee. Di conseguenza quando compaiono le manifestazioni cutanee il bambino non è più contagioso.

Come si cura la quinta malattia?

Solitamente è una malattia autolimitantesi e la terapia è solo di supporto. In caso di prurito si somministrano antistaminici.

Come si previene la quinta malattia?

Non esistono vaccini e, in tutti i casi, le misure preventive non sono necessarie perché si tratta di una malattia lieve.

Quanto tempo si deve stare assenti da scuola con la quinta malattia?

Non è necessario l'allontanamento in quanto i bambini non sono più contagiosi dopo la comparsa delle manifestazioni cutanee.

Lo sapevate che...?

La quinta malattia è pericolosa solo nei pazienti affetti da rare forme di anemia emolitica cronica (talassemia, favismo) in cui può provocare una grave soppressione della produzione di globuli rossi a livello del midollo osseo (aplasia midollare). L'azione del Parvovirus B 19 sulle cellule progenitrici dei globuli rossi può inoltre causare nei pazienti immunodepressi una anemia emolitica cronica da infezione persistente.

1/11/1997

23/10/2013

X

Sai che puoi avere tutti i giorni un consiglio del Pediatra? Iscriviti gratis alle nostre Newsletter!

Tutti i giorni le Pillole di Pediatria, un consiglio del Pediatra sulla salute del tuo bambino, su misura per la sua età. E se sei in attesa, 9mesi è la newsletter che ti accompagnerà per tutta la gravidanza, settimana dopo settimana.
Scrivi qui sotto la tua email e clicca su OK!

I commenti dei lettori

Piu' che un commento è una domanda: ho avuto la quinta malattia da adulta, essendo stata contagiata da mia nipote allora piccolina, mi chiedevo se è possibile riprenderla. grazie cinzia v.

cinzia v. (RM) 09/11/2010

il mio pediatra mia ha detto che se anche ha le macchioline rosse di tenerla a casa perchè essendo malattia virale sempre meglio tenerla lontana da scuola e asilo.

d.75 (TN) 26/11/2010

Ho avuto la quinta malattia con febbre, dolori articolari, esantema cutaneo, premetto che sono un'insegnante e ho 40 anni, questo 3 settimane fa.Adesso ho nuovamente esantema alle braccia e alle gambe, prurito e lievi dolori articolari. mi chiedo può ricomparire dopo queste settimane? a scuola i bambini si stanno contaggiando tutti. devo restare a casa o è normale una ricaduta?

daniela (TO) 22/06/2011

Vorrei solo ricordare che l'infezione da parvovirus B 19 (l'agente infettivo della quinta malattia) puo' causare serie complicazioni anche nelle donne gravide, oltre che nei portatori di anemie emolitiche e nei pazienti immunodepressi. Se nella settimana che precede la comparsa dell'esantema c'è stato un contatto ravvicinato tra il bambino affetto da quinta malattia ed una di queste persone a rischio può essere utile richiedere la sierologia per il virus: se la persona risulta giá immune può stare tranquilla, altrimenti andrà monitorata con più attenzione dal suo medico curante .

Elsa Barth (UD) 04/09/2012

il mio bambino è tre giorni che ha le macchie, il pediatria mi ha detto che è la quinta malattia, non so se mandarlo all'asilo se e' contagioso.

liliana (AG) 24/10/2012

Salve !La mia mia bambina di 30 mesi ha sole le guance arrossate e nessun altro segno sul tronco o negli arti...Le va e le viene questo arrossamento,,,sarà la quinta malattia?

ela (BG) 25/12/2012

Salve, sono una mamma di un bimbo di 21 mesi. Aveva da qualche giorno guance rossiccie con bollicine a cui non ho dato tanto peso. Domenica e' arrivata la febbre con tanto mocciolo. Febbre devo dire non altissima, sui 37.7-38.5. Lunedi e' iniziata ad uscire fuori una propria eruzione cutanea, come fosse eritema in faccia, trasformatasi martedi in un fuoco. Siamo andati al pronto soccorso e mi hanno detto reazione allergica (orticaria) e che poteva comunque uscire fuori una malattia esentematica. Oggi l abbiamo portato di nuovo dal dottore che ci ha confermato 5 malattia sovrapposta all orticaria. Lui in faccia e' una maschera di bolle ed ho notato che ne sono nate altre 6-7 oggi con la puntina bianca (brufolo per intenderci). Mentre in faccia e' pieno di queste bolle in rilievo che hanno poi creato degli eritemi agli occhi (sono anche un po gonfi). Sul viso lo sfogo si sta seccando. Attualmente vivo all estero. Secondo lei e stata fatta una diagnosi corretta. Grazie per la gentilezza nel rispondermi.Germana

Germana 06/03/2013

salve ieri il mio bambino di anni 2 si è svegliato con una guancia rossa come se avesse avuto uno schiaffo poi si è riempito il viso di queste macchie abbastanza grosse ,rosse ,e calde' dopo un giorno sono comparsi i primi punitni sul trono il pediatra mi ha detto che si tratta di quinta malattia,che a sua volta com'è comparsa così andrà via ma più o meno quanto può durare?

mariangela (BT) 26/03/2013

a mio figlio persiste da un mese, dapprima petecchie su gambe e braccia che ci hanno fatto prendere un colpo..quindi ospedale per escludere altre patologie gravi e dagli esami del sangue oltre a constatare l'infezione da parvorvirus , quest'ultimo è stato in grado di far riattivare la mononucleosi che mio figlio aveva già preso......al contempo febbre alta spossatezza inappetenza per 4 giorni a seguire reticolato diffuso su braccia e gambe di esantema tipico della malattia.....a distanza di un mese  secondo il pediatra dovrebbe aver ripreso sempre per colpa di questo virus ed associati con dolori muscolari al collo e di nuovo febbre e questa volta guance rosse.....speriamo di venirne fuori non ne possiamo più..... Suggerimento a mamme e papà occhio perchè mia moglie di conseguenza ha contratto il parvovirus che l'ha debilitata al massimo con addirittura piastrine sotto i limiti anche lei petecchie emorragiche ancora più diffuse solo sulle gambe , forte debolezza e febbre per qualche giorno poi pian piano si è ripresa .... ma è dura.....

giuseppe (RN) 09/05/2013

il mio bambino presenta tutti i sintomi di quella che può essere la quinta malattia (inizio con una guancia "schiaffeggiata" e successivo diffondersi dell'esantema a dorso, tronco e natiche). La mia perplessità sulla diagnosi (peraltro fatta da me perchè oggi è domenica e il mio pediatra non c'è) riguarda il fatto che il bambino ha già avuto la quinta malattia, con gli stessi sintomi ma associati ad una febbre alta, la scorsa estate. Ho letto che una volta immunizzati la malattia non si può contrarre di nuovo. Sarà piuttosto un'allergia o un eritema scatenato da qualche altra cosa?

Stefania Cau (SS) 16/06/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La quinta malattia nei bambini: sintomi e terapia"

Quinta malattia e Parvovirus B19
Il Parvovirus B19 è l'agente responsabile della quinta malattia. Si tratta di una malattia esantematica non comune.
Le più comuni malattie dell'infanzia
Morbillo, Parotite, Pertosse, Rosolia, Quinta malattia, Scarlattina, Sesta malattia e Varicella.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: come interrompere?
Non offrendo più il seno al bimbo, viene gradualmente a mancare lo stimolo prodotto dalla suzione. Di conseguenza la produzione lattea va scemando gradualmente.
Aspirazione di meconio
La aspirazione di meconio è un segno di sofferenza fetale.
Rischi dell'amniocentesi
Dopo quanto tempo dall'amniocentesi posso considerare superato il rischio di aborto? I consigli del ginecologo.
Carie da biberon
L'uso del biberon prima di addormentarsi può essere pericoloso per i denti provocando carie da biberon.
Ha gia' avuto tre casi di infezione delle vie urinarie
Gli accertamenti diagnostici eseguiti non hanno documentato anomalie significative, ma a 20 mesi ha già avuto tre casi di infezioni delle vie urinarie.

Quiz della settimana

Che malattia sospettate se una bambina presenta prurito genitale e lesioni da grattamento all'ano?
Una ragade anale (taglietto)
Una allergia alimentare
Gli ossiuri (vermi)
Una infiammazione genitale