ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Il raffreddore nei bambini

Il "raffreddore comune" è una malattia infettiva acuta, molto frequente nei bambini, causata dai Rinovirus. Il virus si trasmette attraverso l'aria espirata nell'atto di parlare, tossire o starnutire.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Sono la mamma di una bambina di 16 mesi, ormai da più di dieci giorni ha un fortissimo raffreddore che è causa di grossi problemi al momento della nanna, già fin troppo problematica. Infatti ha sempre il nasino completamente chiuso, le mettiamo una soluzione fisiologica alla menta e dopo qualche minuto, quando il naso comincia a gocciolare, con la tanto odiata pompetta cerchiamo di liberarlo, ma più proviamo più la bimba piange, più il nasino si riempie e diventa un circolo vizioso fino a notte fonda. C'è un modo più veloce e corretto per evitare torture notturne alla bambina e a noi genitori?

Il "raffreddore comune" è una malattia infettiva acuta causata prevalentemente dai Rinovirus; nei bambini possono essere responsabili anche altri virus (adenovirus, virus respiratorio sinciziale ed altri virus respiratori). Il virus si trasmette attraverso l'aria espirata nell'atto di parlare, tossire o starnutire (nelle goccioline di saliva, dette di Flugge), vive a lungo nelle mucose nasali, persiste molte ore nelle secrezioni mucose e catarrali, sulle mani o sulle altre superfici. La trasmissione si verifica anche quando le dita contaminate dalla infezione vengono sfregate sulle mucose nasali o congiuntivali.

Vi è un periodo di incubazione di 2 - 4 giorni, a cui seguono starnuti, ostruzione nasale, secrezione nasale ed irritazione della gola. Tosse e raucedine sono presenti nel 30 - 40% dei casi, cefalea (mal di testa) ed altri sintomi generali non sono così presenti ed evidenti come nelle infezioni da virus influenzali, la febbre non è frequente e tanto meno elevata. I sintomi peggiorano rapidamente nel 2° - 3° giorno di malattia e durano circa una settimana, ma nei bambini più piccoli l'infezione ha una durata di oltre 14 giorni. Le complicazioni sono principalmente data da sovrainfezioni batteriche: la faringite, la tonsillite, l'otite media e la sinusite.

Non esiste una terapia specifica in grado di eliminare la causa (cioè il virus), ma per alleviare i sintomi possono essere utilizzati vari rimedi: blandi analgesici, instillazione di soluzione fisiologica nel naso e aspirazione del muco. Gli antibiotici servono solo in caso di complicazione (otite, bronchite), ma non cambiano nulla nel decorso normale del raffreddore (essendo una malattia virale, semplicmente gli antibiotici non sono attivi). Da evitare gli antistaminici (sconsigliabili nel bambino piccolo) e le sostanze balsamiche (per non causare sensibilizzazioni allergiche).

1/2/1997

11/10/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il raffreddore nei bambini"

Uso del rinowash
Il mio bambino soffre di naso chiuso. E' consigliabile l'uso di rinowash al posto dell'aerosol ad ultrasuoni? I consigli dell'allergologo.
Si strofina frequentemente il naso
Strofinarsi frequentemente il naso è un tipico sintomo della rinite allergica. L'allergia respiratoria si instaura dopo rispetto all'allergia alimentare.
Naso chiuso nel neonato
Per un neonato avere il naso chiuso rappresenta un problema importante perché può disturbare l'allattamento e il riposo notturno. Come migliorare i sintomi.
Allergia ai pollini
Con l'avvento della stagione primaverile ha inizio la patologia allergica da pollini.
Anosmia: non sente gli odori
La forte diminuzione fino alla scomparsa della sensibilità olfattoria è chiamata in termine medico "anosmia".
Asma e raffreddore
Ogni volta che ha il raffreddore gli viene anche l'asma. Come fare per evitarla.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Le crisi di collera
Le crisi di collera sono un modo impulsivo col quale il bambino esprime la rabbia. Occorre insegnargli ad esprimere il suo disagio attraverso modi appropriati.
Morso incrociato
Il morso incrociato è un'anomalia per la quale i denti superiori cadono, nel contatto occlusale, internamente rispetto agli inferiori.
Quando iniziare lo svezzamento in caso di allattamento al seno?
Iniziare lo svezzamento a sei mesi o continuare con il solo allattamento al seno? I consigli del Pediatra nutrizionista.
Fotografare un neonato con il flash
Non esiste alcuna ragione per temere effetti negativi da flash di una macchina fotografica.
La parotite
La parotite è una malattia virale, trasmessa mediante le goccioline di saliva. Il periodo di incubazione della malattia è in genere compreso fra 14 e 21 giorni.

Quiz della settimana

Che cos'è un antigene?
Una sostanza che, introdotta in un organismo, induce una risposta immunitaria
Una cellula in grado di fagocitare le particelle estranee all'organismo
Una cellula che produce le proteine necessarie alla difesa dell'organismo
Un sinonimo di anticorpo