ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Di quanto rinviare la vaccinazione dopo una malattia?

Ha dovuto sospendere il secondo richiamo delle vaccinazioni obbligatorie perchè era malata. Quando potrà fare la vaccinazione?

Mia figlia di cinque mesi, causa una malattia intestinale che le ha provocato diarrea per dieci giorni, ha dovuto sospendere il secondo richiamo delle vaccinazioni obbligatorie e l'antipertosse. Attualmente sono passati dodici giorni dal 45° giorno e preferirei aspettare ancora un migliore assestamento delle feci prima di farle il richiamo: quanto tempo posso aspettare senza dover rifare il ciclo di vaccinazioni?

Quando il calendario vaccinale viene interrotto per un qualsiasi motivo, non si deve pensare che ciò determini un fallimento della vaccinazione od obblighi il medico a ricominciare la vaccinazione stessa da capo.

I vaccini, infatti, hanno effetto anche se distanziati oltre il periodo prescritto dal calendario vaccinale, che è stato compilato con determinate scadenze, anche per cercare di raggruppare le diverse vaccinazioni in date ben definite, ma non è così rigido come si può pensare. Esistono comunque alcune indicazioni sui limiti massimi di tempo tra una dose e l'altra per ogni singolo vaccino.

Per le vaccinazioni anti-difterite e tetano è prevista una regola precisa (Circolare Ministeriale del 9 agosto 1982, n. 152): fra la prima e la seconda dose può esserci fino ad un intervallo massimo di 1 anno mentre tra la seconda e la terza l'intervallo massimo si estende a 5 anni.

Non esiste invece una regolamentazione precisa per l'anti-epatite B, ma esistono alcuni studi che dimostrano che tra la prima e la seconda dose possono passare anche 3-5 mesi, senza che sia necessario riprendere la vaccinazione dall'inizio. Fra la seconda e terza dose può passare anche un anno.

Per quanto riguarda il vaccino anti-poliomielite, non esiste alcuna necessità di rispettare un intervallo massimo: di conseguenza, se la serie di dosi viene interrotta, non è necessario ricominciare daccapo o aggiungere dosi supplementari.

Per il nuovo vaccino anti-pertosse acellulare non è invece stato ancora stabilito l'intervallo massimo tra le dosi.

La diarrea non costituisce una controindicazione alla vaccinazione contro la difterite, il tetano, la pertosse e l'epatite B; rappresenta invece una indicazione a posporre la data della vaccinazione anti-polio.

1/1/1997

3/5/2018

I commenti dei lettori

Salve, Ho una bambina di 15 mesi e dovrei fare il vaccio che si fa' a questi mesi. Il problema che io lavoro e me la tiene mia madre, che è trapiantata. Mi hanno detto che facendo questo vaccino metto a rischio mia madre . E' vero??? C'è la possibilita di farlo ma con una dose minore??? 

Emanuela (CT) 11/11/2011

buongiorno, ho fatto prima dose del vaccino della varicella a mia figlia di 7 anni, ora, a distanza di circa quattro mesi dovrei fare la seconda dose. Dato che siamo in pieno periodo dell'influenza, potrei aspettare a primavera per somministrare la seconda dose? grazie

giusy (PO) 16/01/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

I grassi animali sono preziosi nella dieta dei bambini
In realtà i grassi hanno importanti proprietà nutrizionali e nell'alimentazione umana ricoprono un ruolo strutturale e metabolico di primaria importanza.
Il ruolo della carne nella crescita del bambino
La carne (bovina, suina, ovina e avicola) è un alimento essenziale nella dieta di un bambino.
Che cosa mangiare a merenda?
Le “merendine”, oltre a contenere molti grassi idrogenati, sono troppo ricche di zuccheri a rapido assorbimento.
La carne e i salumi sono alimenti essenziali per i bambini che fanno sport
I ragazzi sportivi hanno bisogno di una dieta sana ed equilibrata, con le calorie e le sostanze nutritizie necessarie allo sforzo
Come si producono il prosciutto crudo e gli altri salumi stagionati
Come vengono prodotti i salumi, alimenti importanti della nostra tradizione e costituenti validi di una alimentazione sana.

Quiz della settimana

Quale deficit può essere provocato da una carenza di carne nella dieta di un bambino?
Ferro
Aminoacidi
Vitamina B12
Tutte le risposte sono corrette