ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Schede di Pediatria per Famiglie

per la salute del tuo bambino

Vaccinazione anti morbillo, parotite e rosolia

Il morbillo, la rosolia e la parotite sono malattie che, pur avendo in genere un decorso benigno, possono presentare complicanze. Ecco perché è consigliabile la vaccinazione.

Il morbillo è una malattia che, pur avendo un decorso benigno, presenta frequenti complicanze prevalentemente a carico dell'apparato respiratorio (bronchiti, broncopolmoniti), dell'orecchio (otiti) e del sistema nervoso centrale (encefaliti e meningo-encefaliti, la cui frequenza è di circa un caso su mille). Fra tutte l'encefalite è quella più temibile perché porta a morte nel 10-15% dei casi e dà una invalidità permanente nel 25-40% dei pazienti colpiti.

La rosolia è una malattia che, se contratta durante l'infanzia, ha un decorso benigno ed è priva di complicanze. Diventa però estremamente grave se il contagio avviene nelle fasi precoci della gravidanza (soprattutto nei primi due mesi). Gli effetti sul prodotto del concepimento portano alla nascita di un bambino con gravi patologie: malformazioni del cuore, del sistema nervoso, degli occhi, dell'apparato uditivo e alterazioni delle ossa e della coagulazione del sangue. Se l'infezione è molto grave e precoce si può verificare anche la morte intrauterina del feto.

La parotite è anch'essa, nel bambino, una malattia ad andamento tendenzialmente benigno che tuttavia può, anche se raramente, dare complicanze quali meningo-encefalite, pancreatite, sordità e, soprattutto nell'adolescente e nell'adulto, infiammazione dei testicoli o delle ovaie.

Il vaccino contro morbillo, parotite e rosolia

Il vaccino trivalente (antimorbillo-rosolia-parotite) è composto dall'associazione nella stessa fiala dei tre ceppi virali vivi ed "attenuati", cioè sottoposti a modifiche tali che li rendono incapaci di provocare la malattia, ma in grado di stimolare la produzione di anticorpi.

Il vaccino viene somministrato per via sottocutanea nella parte alta ed esterna del braccio.

La vaccinazione con il vaccino "triplo" di un soggetto che abbia avuto in maniera naturale una delle tre malattie non comporta alcun effetto collaterale aggiuntivo, ma serve a rinforzare ed a prolungare la protezione immunitaria già esistente.

La vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia è raccomandata dal D.M. 7 aprile 1999.

Quando rimandare la vaccinazione

La vaccinazione deve essere momentaneamente rimandata in caso di malattie acute febbrili in atto, trattamenti con cortisonici, trasfusioni di sangue o somministrazione di immunoglobuline nei 5-6 mesi precedenti la vaccinazione.

Quando non vaccinare

Controindicano questa vaccinazione tutte le condizioni di immunodeficienza primitiva o secondaria: immunodeficienze congenite, tumori, leucemie, ecc.

Il vaccino può essere somministrato a soggetti con infezione da HIV, anche sintomatica.

Effetti collaterali

I possibili effetti collaterali di questo vaccino sono rappresentati da una sintomatologia attenuata delle rispettive malattie naturali, che si presenta dopo 5-10 giorni dalla vaccinazione: febbre (talora elevata), eruzione cutanea, ingrossamento delle linfoghiandole, tumefazione della parotide, dolori agli arti.

Raramente compaiono le convulsioni febbrili ed eccezionalmente (un caso ogni 10.000) una diminuzione transitoria delle piastrine (trombocitopenia) nei due mesi successivi alla vaccinazione, sempre con una frequenza molto meno elevata rispetto all'infezione naturale del morbillo e della rosolia.

Uno studio pubblicato nel Novembre 2002 sulla rivista americana Pediatrics ha smentito l'associazione tra la somministrazione del vaccino antimorbillo-rosolia-parotite e l'insorgenza di encefalite post-vaccinale o di autismo.

Come qualsiasi altra sostanza estranea all'organismo, anche questo vaccino può determinare, se pure con frequenza estremamente rara, reazioni allergiche.

1/8/1997

22/10/2016

I commenti dei lettori

ieri abbiamo fatto il vaccino tutto ok ma nelle 18 ore alessandro accusava la febbre alta senza poter inghiottire pieno di dolori acompagnato x l'intera giornata di pianto e lamento continuo, sperando che passi quest'altra notte, ma ,nel vederlo soffrire nn sembra,secondo me,questo vaccino è il più potente della serie con effetti collaterali  pesanti alla prossima ciao a tutti....ma nonostante ciò grazie alla medicina e i suoi ricercatori



Emiliano (ME) 09/06/2012

a circa 36 ore dal vaccino diego (poco piu' di un anno) ha la febbre alta (oltre 40) che non scende neanche con la tachipirina, difficoltà a deglutire, inappetenza generale. piange e si lamenta, dorme disturbatissimo. viene spontaneo dubitare che ne valesse la pena.

Lorenzo (MI) 22/06/2012

Ne vale la pena? Se avessi visto un morbillo vero, con 9 giorni di febbre, occhi rossi, gola infiammata, tosse stizzosa e ghiandole gonfie, non avresti dubbi. Oppure una sordità neurosensoriale causata dalla parotie. O un danno fetale da rosolia. Insomma, fare un vaccino è come pagare un premio assicurativo: spiace, ma mette tranquilli. Non dubitare, avete fatto la scelta giusta.

giuseppe varrasi, pediatra 22/06/2012

Ciao giorno 14/06/2012 abbiamo fatto il vaccino al nostro piccolo Leonardo contro rosolia-morbillo-parotite tutto sembrava andasse bene, ma giorno 22/06/2012 è comparsa la febbre 38.9° durata solo un giorno. abbiamo provato a dargli la tachipirina, ma il sapore amaro delle gocce l'ha fatto vomitare immediatamente (in casa avevo solo le gocce). il giorno dopo era freddo agli arti superiori e durante la notte ancora di più, gli abbiamo provato la temp. ed era a 34.2°. l'abbiamo subito scaldato con dei panni caldi una coperta e il mio contatto e visto che la temp. cominciava a risalire non siamo andati al ps tutto questo alle 4 di notte mentre il piccolo continuava a dormire. ha avuto un'altro calo di temp. il giorno seguente fino a 34.8° sempre mentre dormiva. adesso sta bene! sarà stato un effetto collaterale del vaccino???????????? chi lo sà!!!! speriamo di si e che tutto sia tornato nella norma! ciao a tutti! Ps: la pediatra mi ha detto di tenerlo sotto controllo ancora qualche giorno e se dovesse ricomparire questo sintomo faremo degli esami per controllare la glicemia. lo ha visitato e dice che è in ottima forma!!!!

Rosa (MI) 27/06/2012

Abbiamo fatto i vaccino a Giulio qualche giorno fa e a differenza delle altre volte non ha avuto febbre solo un esatema sul volto che è comparso il giorno dopo la vaccinazione e che ancora ha sul visino. Il pediatra ha prescritto: ossido di zinco e gentalin beta. Alla prox

chiara (MI) 27/11/2012

domani ank io dovro fare il vaccino mpr...un anzia terribile

stellina (RM) 07/03/2013

Salve, mia figlia dopo una settimana dal vaccino ha avuto una lieve febbre, irritatissima e non mangia nulla se non il latte e poi ha dietro la nuca le giandole ingrossate tipo palline che si sentono bene sotto le dita; sarò l'effetto del vaccino?

danila (LT) 17/03/2013

Anche il nostro bimbo a distanza di una settimana dal vaccino presenta qualche sintomo influenzale, febbre 37,5, sonno disturbato e inappetenza. Ciao paolo

paolo (RI) 06/06/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Vaccinazione anti morbillo, parotite e rosolia"

Vaccinazione anti epatite B
L'epatite B è una malattia infettiva e contagiosa causata da un virus che penetra nell'organismo attraverso il contatto diretto con malati o portatori sani.
Rosolia
La rosolia: come si contagia, come si riconosce e quali sono le complicazioni. Tutte le informazioni che devi sapere.
Quanto dura nel tempo la protezione di un vaccino?
L'immunità contro alcune malattie come Tetano e Difterite è sicuramente molto duratura. Anche se con il passare del tempo il titolo anticorpale diminuisce.
Richiamo del vaccino anti-morbillo
E' opportuno fare una dose di richiamo della vaccinazione anti-morbillo-parotite-rosolia (anche se le singole malattie dovessero essere state contratte).
Parotite o orecchioni
I sintomi di parotite (orecchioni) nei bambini sono febbre, malessere generale e scarso appetito, e soprattutto un doloroso ingrossamento sotto le orecchie.
Vaccinazione contro la rosolia
La vaccinazione contro la rosolia protegge "una vita futura". La rosolia contratta durante la gravidanza può provocare aborto spontaneo o gravi danni al feto.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Rachitismo e vitamina D
Perché si danno le gocce di vitamina D dalla nascita? Servono ad evitare il rachitismo nei bambini.
Sindrome di Wolf-Parkinson-White
La Sindrome di Wolf-Parkinson-White è una forma di aritmia del cuore.
Urinare spesso in gravidanza
All'inizio della gravidanza c'è l'esigenza di urinare molto più frequentemente di prima a causa del cambiamento di forma e dimensioni dell'utero.
Come si fa l'aerosol nei bambini
L'aerosol nei bambini: cosa fare per eseguire in modo corretto un aerosol nei bambini.
Quale terapia per l'angioma rilevato?
Dalla nascita ha due angiomi di cui il primo, è rilevato e di colore rossastro, sulla schiena. Il trattamento consigliato dal chirurgo.

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta