ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Che cosa vuol dire tetraparesi spastica?

La tetraparesi spastica rientra nel quadro della paralisi cerebrale infantile, che è la manifestazione senso-motoria di un danno cerebrale che si verifica nell'infanzia.

a cura di: Dott.ssa Tiziana Candusso (pediatra)

Mi hanno parlato di tetraparesi spastica. Cosa significa?

La tetraparesi spastica rientra nel quadro della paralisi cerebrale infantile, che è la manifestazione senso-motoria di un danno cerebrale che si verifica nell'infanzia, per convenzione entro i primi 5 anni di vita. La classificazione delle paralisi cerebrali comprende tre forme:

  • 1) forme piramidali: emiplegia (colpiti 2 arti dello stesso lato) emiplegia doppia (colpiti 4 arti con prevalenza dei superiori) quadriplegia o tetraparesi spastica (colpiti i 4 arti con prevalenza lieve di quelli inferiori) diplegia (colpiti i 4 arti con prevalenza marcata di quelli inferiori)
  • 2) forme extrapiramidali: discinesia (distonia, corea, atetosi) rigidità atassia
  • 3) forme miste.

Tra le cause più importanti di paralisi cerebrali vi sono: fattori prenatali come le malformazioni cerebrali, anomalie cromosomiche, infezioni durante la gestazione, traumi perinatali, ittero neonatale, meningiti, encefaliti, tromboflebiti dei vasi cerebrali, disturbi elettrolitici. Condizioni che spesso si associano alla paralisi infantile: basso peso alla nascita (inferiore a kg 2), gestazione troppo breve (in questo caso la causa è una emorragia intraventricolare), malnutrizione intrauterina; in questi bambini è frequente una anossia cerebrale (mancanza di ossigeno); I sintomi clinici sono: spasticità (cioè paralisi con irrigidimento muscolare), contratture muscolari, iperriflessia osteotendinea, disturbi della marcia e della coordinazione, movimenti involontari, diminuzione dei movimenti spontanei o rigidità, paralisi flaccida (cioè con rilasciamento muscolare), ipotonia.

A questi disturbi motori si possono associare anche epilessia, ipotermia (disturbo della regolazione della temperatura), deficit sensitivo con alterazione del senso del movimento e della posizione corporea, incoordinazione dei movimenti della lingua e della deglutizione; il linguaggio è ritardato, disturbi e ritardo dell'apprendimento, ritardo intellettuale (presente in 2/3 dei casi di paralisi infantile), disturbi visivi come strabismo, nistagmo (tremolio dell'occhio) e deficit visivo. Nei primi mesi di vita la diagnosi è difficile perché i disturbi di varia natura possono scomparire spontaneamente o persistere o comparirne di nuovi.

È opportuno ricorrere ad accertamenti di laboratorio e ad indagini strumentali per chiarire la noxa patogena (causa del danno cerebrale). Non esiste una terapia mirata alle cause. La terapia riabilitativa con fisioterapia si propone di favorire lo sviluppo motorio e va attuata soprattutto dalla madre quotidianamente con la supervisione di personale specializzato; possono rendersi necessari presidi ortopedici come docce contentive ed interventi chirurgici. I farmaci servono per ridurre l'ipertono, evitare convulsioni, integrare l'alimentazione difficoltosa. La prognosi dipende dalla precocità della lesione, dalla sua localizzazione ed estensione. Il 5% spesso muore tra i 10 e 20 anni per infezioni intercorrenti o per male epilettico. Dal punto di vista sociale solo il 20% in età adulta ha un lavoro indipendente (di questi la metà ha una lavoro di tipo ausiliario).

1/4/1997

24/4/2014

I commenti dei lettori

salve io ho una sorella che nel primo anno di vita ha avuto come una crisi e da quel giorno e ancora oggi che a sei anni a avuto altre crisi e ha una spasticità nei movimenti e nel parlare non salta corre in modo anomalo parla balbettando e male ma è molto intelligente. un consiglio aiutatemi

alex (FC) 25/09/2012

Buonjorno sono genitori di un bambino con tetraparesi spastico distonica con retrazioni multilivello estito di sofferenza neonatale e kernitiero. è nato all'ottavo mese e mezzo di gestazione mediante parto permaturo, rottura prematura delle membrane in seguito a caduta accidentale della madre(avvenuta ques'ultima all'ottavo mese di gravidenza)Alla nascita il bambino ha presentato sofferenza perinatale con necessità di rianimazione per la durata di circa 10 minuti in camerun.Dimesso in seconda giornata di vita in apparenti buone condizioni generali di salute è stato nuovamente ricoverato inquinta giornata per presumibile ittero neonatale. nel corso della degena durata circa un mese,il bimbo è stato sottoposto a trattamenti antibiotici e ad una emotrasfusione dopo veniva segnalato un quadro di ipertonia. Bambino è stato poi nuovamente ricoverato all'età di circa 15 mesi presso l'ospedale laquintinie di douala camerun per una infezione delle vie urinarie e, riscontrato un quadro di ritardo dello sviluppo psycomotorio associato all gia noto quadro ipertonico (età circa 9 anni)il bambino é stato posto in terapia con depakin,valuim,gardenale e rivotril per comparsa di alcuni episodi.Transferito in italia da circa 1 anno vorrei gentimente saperé sei con molto ricerca poso avere un consiglio aiutatemi 

JEREMIE (MI) 27/09/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Coliche gassose e allergia al latte
Le coliche gassose possono essere provocate da un'allergia al latte? I consigli del pediatra.
La prima pappa
Gli esperti di Pediatria On Line consigliano la prima pappa nello svezzamento dei neonati verso i 5-6 mesi.
Sport in gravidanza
Alcuni sport vanno evitati in gravidanza, ma ci sono attività fisiche ideali per la donna incinta.
Febbre, dentini e sesta malattia
Mio figlio di nove mesi ha la febbre da tre giorni. Gli hanno diagnosticato la "febbre da dentini" o la sesta malattia.
Il bambino iperattivo
Le cause dell'iperattività e deficit di attenzione e cosa fare se un bambino sembra iperattivo.

Quiz della settimana

Quale affermazione riguardante le convulsioni febbrili è falsa?
Colpiscono i bambini tra i sei mesi e i cinque anni di vita
Si verificano di solito con temperature superiori ai 38°C
Non tendono a ripetersi
Sono piuttosto comuni