Mio figlio di sei anni mangia poco e pochissime cose. Da alcuni controlli ematici effettuati due anni orsono è risultato che aveva il colesterolo intorno a 300 (N.d.R.: il valore dovrebbe invece non superare i 200 mg/dl), ma la pediatra ci ha tranquillizzati dicendoci che, prima dei sei anni, non è patologico. Recentemente abbiamo ricontrollato questo valore ed è risultato di 286. Ora il bambino ha sei anni e la cosa mi preoccupa: il colesterolo alto è familiare sia nella mia famiglia che in quella di mio marito. La pediatra ci ha detto di ripetere l'analisi in aggiunta ai trigliceridi e al colesterolo HDL e, se il dato si confermasse alto in aggiunta a questi altri parametri, ci manderà in un centro specializzato. Sono preoccupata perché non vedo come potrei eliminare alimenti dalla dieta di un bambino già inappetente e che non vuole assaggiare nulla di nuovo.

I valori di colesterolo descritti sono in favore di una dislipidemia (N.d.R.: alterata composizione dei costituenti grassi che circolano nel sangue), verosimilmente la stessa riscontrata negli altri membri della famiglia. Siccome è ormai dimostrato che i danni vascolari hanno un'origine molto precoce, una tale situazione non va mai trascurata, a nessuna età. Giustissima la scelta della pediatra di indirizzare il piccolo presso un centro specializzato, che eseguirà probabilmente ulteriori indagini per affinare la diagnosi e stabilirà la terapia più adeguata. Non bisogna però pensare che la dieta di un bambino con tale problema sia una dieta povera, altamente restrittiva: questi aspetti sono oggetto di grande attenzione da parte degli specialisti, che sanno elaborare diete perfettamente bilanciate dal punto di vista nutrizionale, indispensabili per un organismo in piena crescita.

Altro su: "A sei anni ha già il colesterolo alto"

Rifiuta la pappa
Da circa un mese abbiamo cominciato a proporgli le prime pappe, ma dopo un discreto inizio ora rifiuta del tutto la pappa.
Non mangia più carne
Da circa due settimane non mangia più la carne. I consigli del Pediatra.
Uovo nello svezzamento
Riguardo all'uovo, occorre considerare le due parti che lo compongono e i modi che abbiamo a disposizione per cucinarlo e proporlo ai bambini.
Uovo crudo nello svezzamento e salmonella
A quale età introdurre l'uovo crudo nello svezzamento di un neonato e come evitare il rischio di salmonella.
Dieta di scatenamento
La dieta di scatenamento consiste nel provare una serie di alimenti per individuare quello responsabile dell'allergia.
Allergia alle proteine del latte: cosa può mangiare?
Se la diagnosi di allergia alle proteine del latte è sicura, è necessario che l'esclusione dei latticini dall'alimentazione sia completa e prolungata.