Vorrei chiedere un consiglio. Io e mio marito abbiamo deciso di prendere un gattino di circa un mese. Ma abbiamo alcuni dubbi al riguardo poiché nostra figlia ha due e mezzo. La nostra paura è che il gattino possa trasmetterle qualche malattia o che inavvertitamente la graffi in faccia e negli occhi! Al tempo stesso conosciamo alcune coppie con bimbi piccoli che, nonostante qualche rischio, hanno la gioia di un bel gatto. Cosa ci consiglia?

Anzitutto, penso che spesso più che proteggere il bambino da un animale domestico bisogna preoccuparsi del contrario: proteggere il piccolo animale dalla invadenza e dall'aggressività del bambino, soprattutto se piccolo!

Poi, una raccomandazione: prima di parlare di trasmissione di malattie, bisogna precisare che forse un animale in casa non è indicato in caso di familiarità per allergie; infatti potrebbe facilitare l'instaurarsi di una allergia al pelo di cane/gatto o all'acaro della polvere che si nutre del pelo e della forfora degli animali.

Quanto alla possibilità di portare alcune malattie è bene ricordare:

  • la toxoplasmosi: il contagio avviene con il contatto con escrementi di gatti ammalati, per cui è necessario, fra le varie norme igieniche, pulire la lettiera tutti i giorni con i guanti. Tale malattia di solito non crea importanti problemi al bambino, ma più che altro al feto se la malattia viene contratta in gravidanza (si è tranquilli se la donna incinta possiede già gli anticorpi specifici per la toxoplasmosi perché vuol dire che è già immunizzata);
  •  la rabbia: è ormai quasi estinta in Italia ed è improbabile in un gatto tenuto in casa ed in città. Si trasmette con il morso di cani e gatti infetti, ma è possibile prevenirla anche vaccinando l'animale;
  • le parassitosi: per evitare pulci o zecche occorre spazzolare periodicamente l'animale ed eventualmente trattarlo con antiparassitari; le micosi: possono essere trasmesse soprattutto dal gatto e si manifestano nell'uomo con chiazze rosacee sulle parti esposte.

A parte l'aspetto malattia, per un bambino avere un animale in casa può avere molti aspetti positivi perché favorisce uno stretto rapporto con contatti fisici (carezze, giochi) ed emozioni ed è anche un modo per responsabilizzare il bambino, farlo sentire utile e farlo maturare. Ma accudire un animale in casa può avere anche aspetti negativi (oltre alle allergie e alle malattie) in quanto richiede un grosso impegno da parte di tutta la famiglia per assicurare tutti i giorni e per anni, al piccolo animale, condizioni di vita e affettive ottimali.

In generale inoltre si consiglia, se si vuole un cucciolo, aspettare che il bambino abbia 3-4 anni almeno, in modo che possa prendersi cura in prima persona dell'animale, assolvendo alcuni piccoli incarichi come quello di cambiare regolarmente l'acqua nella ciotola. Ricordate inoltre che in genere le femmine sono più affettuose e più calme dei maschi; se scegliete un gatto i siamesi o i persiani sono i più amanti delle coccole.

Altro su: "Quali malattie può portare un gatto?"

Allergia al gatto e al cane nei bambini
Come si manifesta nei bambini l'allergia al gatto e al cane, con quali sintomi, quali rimedi consiglia il Pediatra. Esiste un vaccino al pelo di cane e gatto.
Pericolo toxoplasmosi in gravidanza
Quanto più è avanzata la gravidanza, tanto più facile è la trasmissione della toxoplasmosi al feto.
Toxoplasmosi in gravidanza: gatto o cane in casa
La toxoplasmosi può essere presa dal gatto o dal cane? I consigli da seguire durante la gravidanza e la prevenzione da seguire nell'alimentazione.
Sintomi di Toxoplasmosi
Cosa succede se si viene contagiati dal Toxoplasma? I sintomi spesso partono da un ingrossamento dei linfonodi.
Toxoplasmosi in gravidanza: sintomi e cure
La toxoplasmosi in gravidanza può manifestarsi senza sintomi. Le cure servono a ridurre il pericolo di infezione per il fato e il neonato.
Ho un bambino allergico: posso tenere il gatto?
Il rischio che un bambino, affetto da allergia alimentare, possa in seguito sviluppare un'allergia respiratoria al gatto è molto elevato.