ll mio bimbo di cinque anni soffre di naso chiuso e il pediatra mi ha consigliato di fargli l'aerosol con il Beclometasone Dipropionato. Se invece dell'aerosol ad ultrasuoni uso il Rinowash va bene lo stesso?

Innanzitutto devo dirle che mi sembra troppo semplicistica la soluzione prospettata dal suo pediatra: il cortisone non è la panacea di tutti i mali. Un doveroso inquadramento del perchè suo figlio abbia sempre il naso chiuso si impone e quindi le consiglierei una visita specialistica otorinolaringoiatrica, che potrà meglio valutare la situazione del bimbo.

In secondo luogo, qualora lo specialista riscontrasse una mucosa tipica per quadro allergico (non infrequente anche a quell'età) si potranno eseguire i test epicutanei per evidenziare un'eventuale rinite allergica.

Nel frattempo i lavaggi nasali con Rinowash utilizzando anche della semplice soluzione fisiologica può essere utile introducendo anche il Beclometasone solo per situazioni di ostruzione importante.

Eliminerei invece completamente l'aerosol ad ultrasuoni, poco efficace persino nelle forme bronchiali, privilegiando non la velocità di esecuzione dell'aerosol bensì le dimensioni delle particelle che vengono prodotte e che più facilmente arrivano nelle aree da trattare.

 

Altro su: "Uso del rinowash"

Aerosol in un bambino piccolo
La terapia con l'aerosol può essere tranquillamente effettuata, utilizzando un apparecchio di buona qualità fin dai primi mesi di vita.
Il distanziatore
E' vero che il distanziatore non è adatto ai bambini al di sotto dei quattro anni?
Naso chiuso
Un organo molto importante: ci permette di ricevere ossigeno e funge da filtro naturale per l'organismo.
Il distanziatore per gli spray da respirare
Il distanziatore è un banale tubo di plastica. L'erogazione del farmaco, senza distanziatore, può avvenire in modo scorretto.
La tosse
Non presenta alcun sintomo di raffreddore, ma quando dorme, fa due e tre colpi di tosse. Quale può essere la causa?
Anosmia: non sente gli odori
La forte diminuzione fino alla scomparsa della sensibilità olfattoria è chiamata in termine medico "anosmia".