A partire dal quinto-sesto mese di gravidanza, a mano a mano che l'utero si ingrandisce, sposta i vari organi verso l'alto schiacciandoli contro il diaframma, quel muscolo che separa i polmoni dallo stomaco e che funziona come un mantice, permettendo la normale respirazione.

Non c'è quindi nulla da meravigliarsi se qualsiasi sforzo fisico come salire le scale, sbrigare le faccende di casa, accelerare il passo quando si cammina risulti talmente affaticante da far mancare il fiato, e questo tanto più la gravidanza procede nel tempo. Solo nelle ultime settimane di gestazione, quando cioè il feto inizia ad impegnarsi nel canale del parto e, abbassandosi un poco, riduce la pressione sul diaframma, la futura mamma sentirà un po' di sollievo.

Altro su: "Difficoltà respiratoria in gravidanza"

Respiro affannoso nel neonato
Nel corso del primo anno di vita e specialmente nei neonati prematuri, i movimenti respiratori possono essere irregolari.
Bronchite asmatica
La bronchite asmatica è un'infiammazione dei bronchi procurata o da infezione di carattere virale.
Broncospasmo e aereosol
L'aerosol come cura del broncospasmo: gli effetti collaterali.
Aspirazione di meconio
La aspirazione di meconio è un segno di sofferenza fetale.
Laringomalacia
La laringomalacia è un disturbo congenito della laringe caratterizzato da uno stridore inspiratorio e da un'ostruzione delle vie aeree.