Mia figlia di nove giorni, di notte respira in modo affannoso, con brevi e rapide inspirazioni e più prolungate espirazioni. È normale? Va precisato che alla 35° settimana di gravidanza mia moglie aveva già contrazioni da parto ma la ginecologa ritenne opportuno ritardare il parto e quindi mia moglie fu ricoverata in Ospedale dove fu sottoposta a terapia con ... [nome commerciale della Ritodrina, un farmaco che inibisce la motilità dell'utero] e, per ogni eventualità, gli fu praticata una iniezione per stimolare la maturità polmonare della bambina.

Nel corso del primo anno di vita e specialmente nei bambini prematuri, i movimenti respiratori possono essere irregolari, intermittenti e variabili in ritmo e profondità. Il respiro può invece essere quasi impercettibile durante il sonno.

Nei lattanti normali, in particolare nei prematuri e nelle prime settimane di vita, comunemente si evidenzia un respiro periodico nel sonno con pause di durata superiore ai 10 secondi senza che compaia cianosi (colorito bluastro delle estremità o intorno alla bocca). In genere nel neonato a termine la frequenza respiratoria varia dai 45 atti respiratori al minuto quando il bambino è sveglio ai 35 atti respiratori al minuto quando il piccolo dorme, ma, in caso di stimolazione anche lieve, il numero degli atti respiratori può salire fino a 70 - 80 al minuto.

Altro su: "Neonato che respira affannosamente"

Aspirazione di meconio
La aspirazione di meconio è un segno di sofferenza fetale.
Difficoltà respiratoria in gravidanza
In gravidanza, qualsiasi sforzo fisico risulta talmente affaticante da provocare una certa difficoltà respiratoria.
Bronchite asmatica
La bronchite asmatica è un'infiammazione dei bronchi procurata o da infezione di carattere virale.
Broncospasmo e aereosol
L'aerosol come cura del broncospasmo: gli effetti collaterali.
Laringomalacia
La laringomalacia è un disturbo congenito della laringe caratterizzato da uno stridore inspiratorio e da un'ostruzione delle vie aeree.