Sono la mamma di una neonata di 45 gg, nata all'ottavo mese e operata per ostruzione intestinale alta. È stata dimessa da 4 giorni dall'ospedale e oggi è in buone condizioni di salute, pesa circa 3 kg ed è allattata artificialmente. Oggi ho scoperto di avere la varicella. Che pericoli ci sono per la bambina? Quali cure consigliate per la bambina? È opportuno somministrarle immunoglobuline (che non si trovano in commercio)?

La bambina ovviamente rischia di contrarre la varicella, che nel lattante e nell'adolescente-adulto può complicarsi con maggior frequenza.

Non è consigliabile l'uso di immunoglobuline specifiche VZIG (ma chi si fida più ad usare emoderivati di questi tempi, se non è proprio indispensabile?). È invece consigliabile, qualora la bambina sviluppasse la malattia, iniziare un trattamento immediato (nelle prime 24 ore dalla comparsa delle vescicole) con Aciclovir, che è il farmaco di scelta nella varicella. Analogo trattamento potrebbe farlo anche lei, se è ancora in tempo utile. Ne parli con il suo Medico curante.

Altro su: "La mamma ha la varicella"

Atassia cerebellare dopo varicella
Sebbene raramente, la varicella può complicarsi a livello neurologico con meningoencefalite o atassia cerebellare.
Varicella del neonato: gli anticorpi della mamma possono prevenirla?
Se il fratello maggiore contraesse la varicella, il neonato sarebbe a rischio di contagio.
Il vaccino anti-varicella
Il vaccino contro il Virus della Varicella-Zoster (VZV) è costituito da virus vivo attenuato e protegge contro la varicella.
Vaccinazione contro la varicella
Un bambino può presentare da 300 a 500 lesioni della pelle durante l’infezione.
La vaccinazione contro la varicella
In corso di varicella si possono verificare diverse gravi complicazioni in bambini altrimenti sani.
Acyclovir per la varicella
Perché alcuni pediatri sono restii a somministrare l'acyclovir in caso di varicella? I consigli del Pediatra.