Nella classe di mio figlio è in corso un'epidemia di varicella. Io, che sono all'ultimo mese di gravidanza, sono risultata immune. Vorrei sapere: se il mio primogenito dovesse contrarre l'infezione quando il fratellino sarà già nato, che rischi correrebbe quest'ultimo? Il neonato gode di qualche forma di protezione da parte degli anticorpi della madre? C'è qualche precauzione che posso eventualmente adottare per evitare il contagio?

Se il fratello maggiore contraesse la varicella, senz'altro il neonato sarebbe a rischio di contagio, in quanto la protezione conferita dagli anticorpi materni non è sufficiente a garantire una totale immunità. Il decorso della varicella contratta in ambiente domestico è generalmente ritenuto più aggressivo di quella contratta in comunità, in quanto l'esposizione alla carica virale è maggiore. Per questo, se il fratello maggiore avesse la varicella sarebbe opportuno sottoporre il neonato a profilassi con Acyclovir (farmaco antivirale) per prevenire un successivo sviluppo di malattia.

Altro su: "Varicella del neonato: gli anticorpi della mamma possono prevenirla?"

Vaccinazione contro la varicella
Un bambino può presentare da 300 a 500 lesioni della pelle durante l’infezione.
Profilassi e terapia per la varicella
Non sempre è necessario sottoporre il bambino contagiato dalla varicella ad una profilassi.
Perché non ha preso la varicella?
La varicella è una malattia virale altamente contagiosa.
Varicella in gravidanza
Contrarre la varicella in gravidanza è una situazione rara, ma non rarissima: leggi i nostri consigli.
La vaccinazione contro la varicella
In corso di varicella si possono verificare diverse gravi complicazioni in bambini altrimenti sani.
Prevenire il contagio della varicella
Non esiste portatore sano di varicella: il contagio avviene per contatto diretto con le lesioni o per via aerea, anche due giorni prima dell'esantema.