Ho una bimba, Sara, di 13 mesi che è alta 78 cm e pesa 11.2 kg. Sta bene. Volevo sapere quanto e cosa una bimba come Sara dovrebbe mangiare a colazione e a merenda. Mi piacerebbe capire se la mia bimba ha una alimentazione corretta: a colazione mangia circa 150 cc di latte con 3 biscottini al plasmon e una fetta biscottata. a pranzo verdure con carne o pesce ( 200 g circa) o minestra di verdura, e frutta a merenda un succo di frutta più due biscottini o 100 g di farina lattea o frutta cotta o uno yogurt a cena minestra di verdura con formaggino o creme di verdura con pane (200 g circa) un'ora prima di coricarsi beve 200 cc di latte.

La dieta che segue la sua piccola è completa e varia.
Dopo il primo anno di vita un bambino può accedere gradualmente e lentamente ad una alimentazione simile a quella dell'adulto. Questo non vuol dire che può liberamente mangiare qualsiasi cosa, poiché è ancora importante che la mamma scelga cibi sicuri e sempre facilmente digeribili, rispettando i suoi ritmi di crescita e le sue capacità di masticazione. In particolare, suggeririamo di integrare la sua dieta con prosciutto cotto e uova (2-3 alla settimana).

Altro su: "Alimentazione dopo l'anno di vita"

I cereali
I cereali (frumento, mais, riso, orzo, avena, segale) nell'alimentazione del bambino rappresentano una buona fonte di energia.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri Pediatri.
Raccomandazioni utili sull'alimentazione del neonato e del bambino
I consigli utili relativi all'allattamento del neonato e del bambino dopo i 6 mesi.
Uovo nello svezzamento
Riguardo all'uovo, occorre considerare le due parti che lo compongono e i modi che abbiamo a disposizione per cucinarlo e proporlo ai bambini.
E' allergica al latte vaccino
Può esserci una relazione tra l'assunzione di latticini tramite latte materno e il continuo rifiuto delle pappe? I consigli dell'allergologo.
Introdurre presto il glutine nello svezzamento
L'introduzione di piccole quantità di glutine potrebbe, entro certi limiti, ridurre il rischio di sviluppare la celiachia.