Sono il compagno della mamma separata, di un bimbo di quattro anni che non è mio figlio e non mi ha conosciuto ancora, ma ha intuito che la mamma ha un legame con un uomo che non è il padre naturale. Il bimbo va regolarmente all'asilo accompagnato la mattina dalla madre e ripreso dal nonno materno il pomeriggio, ovviamente vive con la madre e vede il padre ogni due settimane. E' successo che la maestra, non vedendolo ritornare dal bagno, lo è andato a cercare e per due volte lo ha trovato a piangere in maniera vivace. Il bambino mentre piange riferisce che il padre è morto e che si trova in una localitïà dove di fatto vive sano e vegeto. La mamma ovviamente preoccupata di quanto accaduto è riuscita a farsi dire dal bimbo che il motivo del suo pianto è che sabato prossimo avrebbe avuto una festa di compleanno di un compagno, ma che non poteva andare in quanto doveva stare con il padre. A volte dice che la casa del padre è brutta e che non ci vuole andare ma alla fine a quanto si sa il bambino ci sta bene ed anche in presenza dei nonni paterni. Secondo lei nasconde un disagio il bambino?

E' possibile che il figlio della sua compagna, come accade a molti bambini che hanno genitori separati, stia vivendo un disagio legato al conflitto che avverte tra il suo affetto per la mamma e quello per il papà.

Questo può succedere soprattutto quando la separazione tra i genitori avviene in modo conflittuale o se, anche una volta finita la relazione, rimangono "residui" di rancore che involontariamente il genitore può trasmettere al bambino.

Può darsi quindi che il bimbo abbia paura che, mostrando alla mamma di stare bene col padre, possa dispiacerle o, peggio ancora, perderla. Considerando anche l'età  del bambino, infatti, è possibile che associ il distacco tra i genitori ad una perdita che lui stesso potrebbe vivere.

Ovvero: se la mamma ha lasciato il papà, lascerà anche me? O viceversa.

Credo che sia importante, oltre ad evitare qualsiasi espressione riferita all'ex coniuge che possa suonare per il bambino come una svalutazione, rassicurare il piccolo circa la continuità dei legami con ciascuno dei genitori.

Se è il caso, la mamma potrebbe anche esplicitare di essere contenta e tranquilla quando lui è con il papà. Sperando, naturalmente, che lo sia davvero!

Inoltre, se la vostra relazione è presente e importante, dovrà essere gradualmente introdotta alla consapevolezza del bambino, perchè i "segreti" sono sempre molto rischiosi.

 

Altro su: "Disagio dei bambini con genitori separati"

Separazione e divorzio: i figli
Separazione e figli. Divorzio e figli. Come affrontare la nuova situazione.
Non ha mai conosciuto suo padre
Come si può spiegare ad un bambino così piccolo che non vedrà mai suo padre? I consigli dello psicologo.
Il distacco dalla mamma
Temo il distacco fra me e il mio bambino: siamo genitori separati e per la prima volta il bambino farà una vacanza senza di me.
Separazione dal compagno
La separazione dei genitori è un evento oggi molto frequente, così come, la discontinuità dei rapporti tra il bambino e il genitore.
Mio figlio non accetta che io mi possa sposare di nuovo
Sono una madre vedova ed ho un nuovo compagno, ma mio figlio non accetta che io mi possa sposare di nuovo.
Ci siamo separati
Nostra figlia soffre il distacco per la nostra separazione. I consigli per farle accettare la nuova situazione senza troppi traumi.