Sono papà di due gemelli che hanno tre anni e vorremmo iniziare a togliere il pannolone di notte. Come si fa ad aiutarli a non fare la pipi a letto? E' giusto svegliarli di notte per farli urinare?

Ben poco si sa su come i bambini raggiungono la capacità di non fare la pipì a letto di notte e come venga acquisito il controllo del muscolo detrusore della vescica (quello, per intenderci, che con la sua contrazione serve ad espellere le urine). Occorre inoltre che il bambino sia psicologicamente pronto, in altre parole che abbia raggiunto quel grado di sviluppo intellettivo che gli consenta di capire ed imparare ciò che gli viene insegnato.

E' necessario inoltre che il piccolo sia motivato ad attuare regolarmente le manovre insegnategli per non farsi la pipì addosso. Nel caso di un bimbo di tre anni, per insegnarli a non bagnare il letto dovrebbe essere sufficiente: limitare l'apporto di liquidi verso sera; fargli svuotare la vescica prima di coricarsi; invitarlo ad alzarsi di notte da solo per urinare (accertarsi ovviamente che il bambino non abbia paura del buio e che vi sia un facile accesso al bagno); riservare un piccolo premio per ogni mattino in cui si alza asciutto Lo svegliare ad orari programmati il bambino non aiuta ad acquisire il controllo della minzione notturna.

Altro su: "Insegnare a non fare la pipì a letto"

Ematuria famigliare benigna
Le hanno diagnosticato l'ematuria famigliare benigna ma non è necessario seguire alcuna dieta particolare e la prognosi è ottima.
Urinocoltura e infezione delle vie urinarie
Urinocoltura: a cosa serve e come si esegue.
Enuresi diurna
L'enuresi non è dovuta a patologie organiche identificabili ma è correlabile ad una alterazione funzionale della minzione.
Si scarica solo nel pannolino
Non si scarica se non nel pannolino. Dobbiamo lasciarglielo? In questa fase non è consigliata di forzarla.
Zucchero nelle urine
Con il termine di glicosuria si intende la presenza di zucchero nelle urine.
Incontinenza sfinterica
Incontinenza sfinterica può intendersi come incontinenza fecale (encopresi) o urinaria (enuresi).