Il mio bambino ha 25 mesi e frequenta l'asilo nido. Sono un paio di settimane che le maestre mi dicono che ha degli attacchi di pianto cercando la mamma. Sono momenti brevi ma purtroppo non so come aiutarlo.

Sono pochi gli elementi forniti per capire la situazione: dovresti riflettere per capire se ci sono stati dei cambiamenti, tali da creargli disagio, nell'ambito familiare e scolastico. Molto probabilmente, essendo al termine dell'anno scolastico, è semplicemente stanco; comunque parlane con le insegnanti per capire quale può essere il problema e come affrontarlo.

Se le insegnanti ti riferiscono che dopo pochi minuti smette di piangere rasserenati: è senz'altro così. Spesso i genitori pensano di essere rassicurati da un insegnante che mente al proposito, ma non è così, perché ne va anche della nostra serenità avere un bambino che piange in continuazione. Di conseguenza, quando il pianto si protrae al di là del normale, viene fatta subito comunicazione ai genitori.

Altro su: "Piange all'asilo nido"

Mandarlo in una scuola all'estero
E' piccolo: una scuola all'estero lo farebbe crescere bilingue, ma la famiglia sarebbe costretta a dividersi.
La maestra chiama "spioni" i bambini
A scuola, mia figlia ha difficoltà a capire quando si deve dire la verità e quando invece deve farsi i fatti propri per non essere chiamata "spione".
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Inserimento graduale alla scuola materna
L'inserimento graduale alla scuola materna può disorientare una bambina già abituata all'asilo nido? I consigli della psicologa.
Pro e contro l'asilo nido
La scelta di mandare all'asilo nido bambini anche molto piccoli è un'esigenza "moderna". I consigli del Pediatra.
Al nido, comunque!
Mandarlo all'asilo nido anche se la mamma è a casa può essere una saggia decisione.