Mio figlio maschio di 10 anni soffre da cinque anni di una grave forma di allergia oculare all'alternaria che va da maggio fino ad ottobre e si manifesta con prurito agli occhi e arrossamento molto intenso. I colliri antistaminici sono blandi nel risultato, quelli al cortisone funzionano ma dopo una settimana bisogna sospenderli per il timore di effetti collaterali, le terapie sistemiche non hanno avuto nessun effetto: non esiste un terapia che sia efficace senza avere grossi rischi a livello oculare?

La terapia sintomatica praticata fino ad ora è corretta ed è quella che mediamente si attua in questi casi. Le alternative possono essere solamente due: una terapia preventiva, da attuare prima della stagionalità dell'alternaria con nedocromil sodico in collirio, lasciando ai periodi di maggiore acuzie la terapia sintomatica precedentemente segnalata o, in alternativa, visto che comunque anche se in misura minore il quadro è spesso accompagnato da rinite (si parla infatti di rino-congiuntivite) una terapia desensibilizzante sublinguale per l'alternaria, da iniziare prima di maggio e da mantenere durante la stagionalità (terapia pre-co-stagionale). L'accettabilità da parte del bambino è ottimale poiché si tratta di gocce incolori, inodori, insapori e notevolmente tollerate.

Altro su: "E' allergico alla alternaria"

Vero e falso in oculistica
Una serie di risposte flash a domande frequenti in oculistica.
Allergia all'alternaria
L'Alternaria è una muffa molto diffusa, che si sviluppa su carta da parati, tappeti, terriccio e foglie di piante ornamentali. Può provocare allergia.
Congiuntivite nei bambini
La congiuntivite allergica è un'infezione oculare che arreca occhi molto rossi, secrezioni abbondanti. Ne soffrono molti bambini. Le cause e i rimedi.
Congiuntivite primaverile
La congiuntivite primaverile è una condizione caratterizzata da arrossamento, fastidio in presenza di luce, lacrimazione e prurito palpebrale.
Congiuntivite allergica
Soffre di una fastidiosa forma di congiuntivite allergica che si presenta regolarmente alla metà di marzo e lo insidia fino a metà settembre.
Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.