Dermatite neonatale Mia figlia, nata 43 giorni fa, presenta dei puntini rossi sul viso ed in certi momenti i suddetti puntini si sbiancano per poi arrossarsi di nuovo, e non solo allo stesso posto. Tenete presente che la bimba prende esclusivamente il mio latte. Da che può dipendere? Forse dalla mia alimentazione o perchè il latte è un po' grasso?

Le mamme sono sempre portate ad addossarsi la responsabilità di qualsiasi disturbo del figlio, per un micidiale miscuglio di insicurezza e sensi di colpa, e anche questa domanda non sfugge alla regola. L'allattamento, poi, è nel mirino di tutti i dubbi della famiglia ("ne avrò abbastanza?", "te l'avevo detto di non mangiare il pesce!", "non fa il ruttino, quindi il latte è pesante", ecc.).

In realtà, il latte troppo grasso non esiste: la composizione del latte materno, ad eccezione di stati estremi di malnutrizione, è molto stabile (la natura in fondo ne sa più di noi) e non risente della dieta della mamma. Per quanto riguarda la cute, anzitutto va detto che il neonato frequentemente va incontro ad eruzioni cutanee di diverso tipo assolutamente normali e innocue. Nelle prime settimane dopo la nascita può manifestarsi la cosiddetta orticaria neonatale, con chiazze rilevate su tutto il corpo anche vistose ma di breve durata e a sede variabile; oppure, l'acne del neonato, una vera e propria eruzione papulo-pustolosa (come l'acne dell'adolescente) dovuta ad una maggiore sensibilità del piccolo alla normale produzione ormonale (la stessa ragione spiega l'ingrossamento dei genitali e la crescita del seno, sia nei maschi che nelle femmine).

Nel secondo mese, poi, può iniziare la dermatite seborroica: una produzione grassa della pelle, soprattutto al capo (se abbondante, si chiama crosta lattea: ed ecco che anche la tradizione attribuisce la colpa al latte, che non c'entra!), al volto e alle grosse pieghe, che si attenua mediante lavaggi con olio detergente, ma normalmente tende a durare qualche mese. Più banalmente, la cute del neonato è molto delicata e irritabile, per cui qualsiasi agente irritante (il caldo, lo sfregamento dei vestiti, un detergente troppo forte) può determinare dermatiti a piccole papule di breve durata. Le forme allergiche, invece, non iniziano così presto: la dermatite atopica si manifesta non prima del 3° mese con lesioni di tipo eczematoso (infiammazione, prurito, cute desquamante o umida); in questo caso, effettivamente, l'alimentazione della mamma può essere importante e quindi, nel caso di una dermatite importante, qualche tentativo dietetico (serio, però, con precise indicazioni del pediatra sugli alimenti da togliere e sui tempi, con una attenta valutazione dei risultati) va fatto.

Altro su: "Dermatite neonatale"

Dermatite atopica
La dermatite atopica è una malattia cronica della pelle dei bambini, il cui sintomo più costante e fastidioso è il prurito.
Le cure termali nella dermatite atopica
Le cure termali sono utili nella dermatite atopica, in quanto migliorano le lesioni della pelle.
Orticaria cronica
Soffre di orticaria cronica, ma le cause sono molto numerose e, quindi, non deve sorprendere se l'orticaria cronica rimane senza causa.
Eczema e allergie: consigli pratici
Il bambino affetto da eczema e allergie richiede particolare attenzione nell'igiene personale, nell'abbigliamento e nell'arredo della cameretta.
La lingua a carta geografica
La lingua "a carta geografica" è spesso messa in relazione con l'allergia alimentare, ma nella maggior parte dei casi si tratta di un fenomeno costituzionale.
Allergia ai pollini
Graminacee, parietaria, composite, olivo, betulla, pioppo sono i principali responsabili di allergia ai pollini.