Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Idro-uretreronefrosi non ostruttiva

Soffre di idronefrosi sinistra, non ostruttiva, non refluente. E' necessario ripetere una valutazione ecografica e verificare la funzione renale.

a cura di: Dott. Gianantonio Manzoni (chirurgo pediatra - urologo)

Sono la mamma di un bambino di tre anni e mezzo al quale sin dalla nascita (a seguito di vari esami) è stata diagnosticata una idronefrosi sinistra, non ostruttiva, non refluente e con funzionalità renale conservata (51% sx e 49% dx). Il bambino non ha mai avuto IVU sintomatiche e non ha mai seguito profilassi antibiotica protettiva. E' stata quindi decisa una terapia conservativa. Nel dicembre 2009 è stata ripetuto l'esame ecografico con il quale è stata confermata la idroureteronefrosi sx con rene di dimensioni aumentate (11 cm diametro longitudinale) per dilatazione della pelvi renale (4.7 cm diametro antero-posteriore) e dei calici (1,4 cm al gruppo caliceale medio); spessore corticale minimo 0,5 cm. Dilatazione e tortuosità dell'uretere sx: 1,5 nel tratto pre-vescicale, 1,9 nel terzo medio. Rene dx e vescica regolari. Posto che la prossima settimana è in programma ulteriore esame scintografico, la domanda che rivolgo è la seguente: trattandosi di idronefrosi sinistra, non ostruttiva, non refluente e, qualora l'esame scintigrafico confermasse la regolare funzionalità del rene, vi è indicazione assoluta ad un intervento chirurgico o si può continuare terapia conservativa?

Dalla descrizione della Ecografia Renale/Vescicale eseguita nel Dicembre 2009 risulterebbe una severa idronefrosi sinistra (con una importante dilatazione del bacinetto ed una significativa riduzione dello spessore della corticale renale) con un rene aumentato di volume rispetto al controlaterale: tutti questi segni ecografici sono fortemente indicativi di una verosimile uropatia ostruttiva.

E' quindi assolutamente indispensabile ripetere una nuova valutazione ecografica (sono passati 12 mesi!) e verificare la funzione renale e la risposta escretoria della imminente valutazione scintigrafica renale. Solamente con l'esito di questi nuovi esami potrà essere espresso un giudizio conclusivo sulla eventuale indicazione chirurgica rispetto a continuare un monitoraggio conservativo.
 

Altro su: "Idro-uretreronefrosi non ostruttiva"

Vie urinarie dilatate
Vie urinarie dilatate. Cosa comporta questa malformazione? Come si deve prevenire o curare? Il consiglio dell'urologo.
Ematuria famigliare benigna
Le hanno diagnosticato l'ematuria famigliare benigna ma non è necessario seguire alcuna dieta particolare e la prognosi è ottima.
Reni ectopici
Se la funzionalità renale è normale e non sono presenti altri problemi non vi sono problemi futuri e questa situazione non richiede monitoraggi particolari.
Calcolosi renale
Eccessive quantità di cistina non disciolta nelle urine causano la formazioni di calcolosi renale, nella vescica e/o nell'uretere.
Reflusso vescico-ureterale
E' stata operata da poco all'uretere per reflusso vescico-ureterale da un lato e la malattia è comparsa nell'altro rene.
Rene policistico
Il rene policistico o malattia del rene policistico è un difetto renale bilaterale, geneticamente trasmesso da entrambi i genitori.