Alla 35° settimana di gravidanza è stata diagnosticata al bambino una pieloectasia renale fetale sinistra di 1,2 cm. Da un controllo ecografico post-natale al 25° giorno di vita il radiologo ha constatato un'ulteriore dilatazione del bacinetto renale sinistro. Volevo informazioni sull'eventuale cura ed intervento chirurgico: gravità, decorso post operatorio, conseguenze per il futuro.

Il quesito che viene posto è quello di una idronefrosi monolaterale diagnosticata in epoca prenatale tardiva (35esima settimana), confermata al controllo ecografico post-natale a circa un mese di vita. Per poter rispondere alle domande poste è innanzi tutto necessario conoscere quale iter diagnostico è stato seguito e quale è la corretta diagnosi.

Presumibilmente si tratta di una idronefrosi secondaria ad una stenosi del giunto pielo-ureterale (o vescico-ureterale?). Inoltre è stata esclusa la presenza di un eventuale reflusso vescico-ureterale? Quindi prima di poter porre una eventuale indicazione chirurgica è assolutamente necessario conoscere: la funzionalità renale separata la risposta escretoria spontanea, post minzione e post stimolazione con Lasix se la dilatazione è solamente alta calico-pielica (idronefrosi) o anche bassa ureterale (idroureteronefrosi) se è presente un reflusso vescico-ureterale.

In caso di una conferma di una patologia ostruttiva con ridotta funzionalità renale è indicata una terapia chirurgica alta (pieloplastica) o bassa (reimpianto/modellamento ureterale) a seconda del livello, e la prognosi è generalmente buona trattandosi di una forma monolaterale Il recupero funzionale è condizionato dalla situazione di partenza (qui non specificata). Per questa chirurgia la degenza è limitata (3-4 giorni) ed il decorso post-operatorio estremamente ben tollerato dal lattante con una ripresa molto rapida.

Le parole dei medici PIELECTASIA: dilatazione della pelvi renale, la zona dove si raccoglie l’urina prima di confluire nell’uretere, il tubicino che poi convoglia la pipì dal rene alla vescica. IDRONEFROSI: accumulo di liquido (urina) nel rene, che non riesce (a causa di una ostruzione o malformazione) a scaricarsi come dovrebbe nella vescica.

Altro su: "Idronefrosi: una dilatazione nel rene"

Dilatazione del bacinetto renale
La dilatazione del bacinetto renale è un riscontro assai frequente e non ha conseguenza patologiche.
Idronefrosi nell'ecografia in gravidanza
Idronefrosi nel nascituro: un difetto al rene trovato nell'ecografia eseguita in gravidanza.
Dilatazione del bacinetto renale
La dilatazione del bacinetto renale rilevata durante la gravidanza, necessita di essere rivalutata dopo la nascita. Il parere dell'esperto.
Pielectasia bilaterale
In gravidanza hanno diagnosticato al mio bambino una pielectasia bilaterale. Gli esami di controllo che dovrà sostenere sono dolorosi?
Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
Vie urinarie dilatate
Vie urinarie dilatate. Cosa comporta questa malformazione? Come si deve prevenire o curare? Il consiglio dell'urologo.