Al mio nipotino di due mesi è stata diagnosticata, durante un'ecografia di controllo in gravidanza, una pielectasia (N.d.R.: dilatazione del bacinetto renale) ad entrambi i reni, una di 2°grado e una di 3° grado. Ai genitori è stato proposto un esame di controllo (scintigrafia) da eseguire in day-hospital in quanto il bambino verrebbe addormentato: sono molto perplesso riguardo a questo fatto soprattutto perché non riesco a comprendere l'utilità dell'esame proposto dall'urologo.

Il riscontro di una dilatazione renale significativa (2° e 3°) in seguito ad una segnalazione ecografica prenatale necessita assolutamente di essere rivalutata dopo la nascita. Generalmente vengono eseguiti degli accertamenti che sono:un nuovo controllo ecografico neonatale e, se confermata la dilatazione significativa (come in questo caso), è opportuno iniziare immediatamente una profilassi antibiotica precauzionale; scintigrafia renale sequenziale MAG3 (o DTPA) generalmente dopo il primo mese. Il motivo è quello di escludere una eventuale dilatazione secondaria ad una ostruzione (uropatia ostruttiva) dell'alta via urinaria (stenosi della giunzione pielo-ureterale o uretero-vescicale).

Per questo tipo di esame non è assolutamente necessario addormentare il bambino e, nella nostra esperienza, non è necessario alcun tipo di sedazione!!! infine, per escludere la eventuale presenza di un reflusso vescico-ureterale, è indicato un esame mirato che, a seconda delle possibilità locali e/o preferenze, potrà essere cistografia minzionale o cisto-scintigrafia o cisto-sonografia. Penso che con una dilatazione del genere il nonno dovrebbe essere più preoccupato se non fossero fatti i dovuti accertamenti al suo nipotino.

Altro su: "Ha una dilatazione del bacinetto renale"

Pielectasia bilaterale
In gravidanza hanno diagnosticato al mio bambino una pielectasia bilaterale. Gli esami di controllo che dovrà sostenere sono dolorosi?
Dilatazione del bacinetto renale
La dilatazione del bacinetto renale è un riscontro assai frequente e non ha conseguenza patologiche.
Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
Vie urinarie dilatate
Vie urinarie dilatate. Cosa comporta questa malformazione? Come si deve prevenire o curare? Il consiglio dell'urologo.
Idronefrosi: una dilatazione nel rene
Alla 35° settimana di gravidanza è stata diagnosticata al bambino una idronefrosi, descritta come dilatazione del rene.