Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

La faccia dell'allergico

Vi sono alcuni aspetti del viso, della pelle e della storia clinica di un bambino, che fanno sospettare al pediatra la possibile presenza di "costituzione atopica".

a cura di: Dott. Alfredo Boccaccino (allergologo)

Si può riconoscere dall'aspetto un bambino allergico? Premetto che io e mia moglie non siamo allergici, e non lo sono nemmeno i componenti delle nostre famiglie. Detto questo, si può riconoscere se una bambina è un soggetto a rischio allergie solo dai tratti somatici? Vi chiedo questo perché un pediatra, appena ha visto mia figlia, ha detto che era a rischio deducendolo dai tratti somatici.

Vi sono alcuni aspetti del viso, della pelle e della storia clinica di un bambino, che fanno sospettare al pediatra la possibile presenza di "costituzione atopica". Tale termine si usa per definire la predisposizione a contrarre un'allergia, determinata da un difettoso funzionamento del sistema immunitario.

Uno dei segni più evidenti è rappresentato dall'"occhio pesto allergico": esso è caratterizzato dalla presenza di colorito violaceo della regione cutanea sotto-orbitaria, dovuto al maggiore ristagno di sangue venoso in questa zona. Altro segno importante sono le pliche di Dennie-Morgan, particolari pliche cutanee poste nella regione periorbitaria in prossimità della radice nasale.

Tipico è anche il "gesto del saluto allergico", un movimento ripetuto della mano verso la punta del naso, determinato dal prurito nasale indotto da una rinite allergica.

La pelle è un altro organo che frequentemente è colpito da fenomeni allergici. La presenza di lesioni, caratterizzate da cute desquamata e secca, in sedi specifiche come le pieghe flessorie degli arti, la regione retro-auricolare o le guance, rappresenta un altro fattore distintivo della "costituzione atopica".

Il termine che si utilizza per definire la presenza contemporanea di tutti questi segni è facies atopica. Questo aspetto caratteristico del viso è il fattore che probabilmente ha indotto il pediatra a sospettare l'allergia nella vostra bambina.

Il fatto che in famiglia non sono presenti soggetti allergici è un evento poco importante: la maggior parte dei bambini allergici nasce da genitori sani e spesso negli altri familiari l'allergia, pur presente, non è mai stata diagnosticata, come capita spesso per i nonni.

Altro su: "La faccia dell'allergico"

Allergia al nichel
Ci sono dei tessuti che contengono nichel, quali prodotti usare per la pulizia del bambino? Il comportamento corretto da adottare.
Pitiriasi alba
La pitiriasi alba è una manifestazione cutanea comune tra i bambini, caratterizzata dalla presenza di macchie chiare tondeggianti, spesso al volto.
Eczema atopico infetto
L'eczema atopico infetto non è una malattia contagiosa. E' una complicazione della dermatite atopica. Le cure e la terapia.
Dermatite atopica e allergia alimentare
La dermatite atopica può essere causata da un'allergia alimentare come sostiene l'allergologo? I consigli dell'allergologo.
Gli si arrossa la bocca quando mangia il pomodoro
Gli compaiono delle macchie rosse quando mangia il pomodoro. Può trattarsi di allergia al pomodoro? I consigli del Pediatra.
Allergia alle muffe
Che cosa sono le muffe, dove si trovano e come comportarsi quando si è allergici alle muffe.