Il mio bambino ha quattro anni e, fin dalla nascita, reca sull'avambraccio destro un grosso nevo peloso di circa 7 cm per 3. E' pericoloso? Se si può togliere, a che età va fatto?

Quello che lei descrive è molto probabilmente un nevo melanocitico congenito (peloso), una lesione assolutamente benigna, di carattere malformativo. Si tratta in sostanza di un piccolo errore dello sviluppo che causa una forte concentrazione di cellule melanocitarie, le stesse cellule che producono la melanina (N.d.R.: il pigmento che permette di abbronzarci) dopo l'esposizione al sole e che normalmente sono "sparse" nella pelle in modo omogeneo. Nessuno conosce il perché si possa realizzare questa imperfezione nella distribuzione dei melanociti. I

l nevo melanocitico congenito di medie dimensioni, come quello del suo bambino (ne esistono anche di molto grandi e di molto piccoli), ricorre in uno-due neonati ogni cento e non presenta alcun pericolo nell'età pediatrica. In età adulta, invece, è possibile che al suo interno compaia un melanoma, un tumore maligno che, se non asportato precocemente, può minacciare seriamente la salute della persona. Per questa ragione siamo soliti consigliare l'asportazione preventiva di questo nevo, specie quando questa possa offrire anche vantaggi sotto il profilo estetico e psicologico. I tempi dell'eventuale intervento, da considerare con la massima serenità, variano da caso a caso, in ragione della sede interessata, dell'età, delle dimensioni, del tipo di anestesia necessaria e, non ultimo, dai desideri dei genitori e dei pazienti.

Orientativamente si può dire che per il fine di prevenzione del melanoma si dovrebbe intervenire prima dei 18-20 anni, mentre se si desidera rimuovere un inestetismo che potrebbe risultare di ostacolo al benessere psicologico del bambino, si dovrebbe intervenire quanto prima, possibilmente prima dell'età scolare. Si tratta di interventi solitamente semplici e di breve durata, capaci di apportare significativo miglioramento estetico. Generalmente si ricorre a procedure anestesiologiche "leggere" che permettono un’assistenza in day-hospital o comunque una degenza di pochi giorni.

Altro su: "Ha un neo coperto di peli"

Macchie caffelatte nel bambino
Le macchie caffelatte, chiamate, cafè au lait spots, sono una evenienza relativamente frequente nel bambino (10-20% dei soggetti sani).
Nevo sebaceo
Il nevo sebaceo è un piccolo difetto della pelle, del tutto benigno.
Una chiazza chiara sulla pelle
Mia figlia è nata con una chiazza chiara sulla pelle. La nostra pediatra ritiene sia un "nevo ipodermico non rilevato".
Nevo sebaceo di Jadasshon
Il nevo sebaceo di Jadasshon è una lesione benigna della pelle. E' molto verosimile che possa recidivare.
Nevo acromico
Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione.
L'angioma
L'angioma è una macchia della pelle, dovute ad una dilatazione dei capillari sanguigni, chiamati anche con il termine popolare di "voglie".