Mia figlia di tre anni è affetta da strabismo divergente a entrambi gli occhi. Ci è stato consigliato di operarla, ma non sono riuscita a capire in che cosa consista l'intervento. In particolare vorrei sapere quanto tempo deve stare in ospedale (o dove verrà operata), dopo l'intervento che tipo di riabilitazione dovrà fare (bendaggi, esercizi, o cosa) e se le metteranno dei punti da togliere successivamente. Inoltre vorrei sapere come spiegare alla bimba cosa succederà.

In genere, in casi come questi, viene eseguito uno spostamento indietro (indebolimento) dei muscoli che fanno divergere gli occhi. La scelta del luogo dove operare dipende dal chirurgo: io in genere suggerisco il day-hospital perché comporta minori disagi psicologici e logistici.

Dopo l'intervento i miei pazienti scendono dalla sala operatoria senza bende, e non consiglio alcuna riabilitazione se non per contrastare l'ambliopia (occhio pigro); non uso mai suture da togliere. Per spiegare alla bimba cosa succederà mostro un video che descrive le fasi salienti del percorso del bimbo, e presento al piccolo la sala operatoria come l'interno di un'astronave nella quale avrà il privilegio di utilizzare una maschera da pilota.

Altro su: "Intervento chirurgico per lo strabismo"

Strabismo nei primi mesi di vita
Lo strabismo è del tutto normale nei primi mesi di vita, quando il bambino non è ancora in grado di utilizzare contemporaneamente i due occhi.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Ipermetropia e strabismo nel bambino
Che legame esiste tra ipermetropia e strabismo? I consigli dell'oculista.
Strabismo dalla nascita
E' affetta da strabismo dalla nascita. Mi hanno consigliato l'occlusione dell'occhio sano per evitare l'ambliopia per tre ore al giorno.
Gli occhiali
Le hanno prescritto l'uso degli occhiali per ipermetropia per evitare l'insorgere dello strabismo.
Strabismo e febbre
Lo strabismo come conseguenza di episodi febbrili è solitamente dovuto ad una paralisi benigna del sesto nervo oculomotore o nervo abducente.