ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Amniocentesi

L'amniocentesi consiste nell'aspirazione di liquido amniotico allo scopo di raccogliere le cellule presenti e fare su di esse l'analisi cromosomica.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

L'amniocentesi consiste nell'aspirazione di liquido amniotico (circa 20 ml), allo scopo di raccogliere le cellule presenti (cellule di sfaldamento della cute del feto) e fare su di esse l'analisi cromosomica. Si esegue in genere tra la 15° e la 18° settimana di gestazione. Il materiale viene aspirato tramite l'introduzione di un ago sottile nel sacco amniotico attraverso l'addome, sotto continua sorveglianza ecografica.

La coltivazione delle cellule fetali contenute nel liquido amniotico permette lo studio dei cromosomi, consentendo la diagnosi di numerose anomalie cromosomiche (prima per tutte la sindrome di Down), mentre l'analisi del liquido amniotico consente di individuare malattie ereditarie come la talassemia e di riconoscere patologie che interessano il tubo neurale (quella parte del bambino da cui nascono la spina dorsale, il midollo spinale e il sistema nervoso).

La malattia più nota causata ad un difetto del tubo neurale è la "spina bifida", una malformazione congenita in cui un pezzo del midollo spinale fuoriesce (come un'ernia) attraverso un difetto della parte posteriore ossea della spina dorsale, in genere situata nella regione lombo-sacrale, subito sopra il sederino.

L'introduzione dell'ago nell'addome provoca in genere una sensazione trafittiva istantanea simile a quella provocata da un prelievo di sangue dal braccio, a cui può far seguito una lieve dolenzia di breve durata, dovuta a contrazioni localizzate della muscolatura dell'utero.

Poiché l'amniocentesi viene eseguita più in là nel corso della gravidanza, in confronto alla villocentesi, essa comporta un pericolo di aborto minore, valutato su un caso ogni 270 esami, rischio legato molto all'esperienza e alla manualità del medico esaminatore.

20/8/2000

9/3/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Amniocentesi"

Amniocentesi e villocentesi
Le malattie o anomalie vengono cercate con l'amniocentesi o la villocentesi.
Diagnosi precoce della sindrome di Down
La diagnosi prenatale si basa su tecniche di prelievo di cellule fetali, su cui viene fatta l'analisi cromosomica e dimostrata l'anomalia genetica.
Test di Coombs positivo in gravidanza
Il Test di Coombs in gravidanza, se positivo, indica l'incompatibilità di sangue fra mamma e figlio. Leggi cosa fare e che rischi ci sono per il bambino.
Rischi dell'amniocentesi
Dopo quanto tempo dall'amniocentesi posso considerare superato il rischio di aborto? I consigli del ginecologo.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte