ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading

Saperne di più

per approfondire insieme

Fecondazione: come avviene

La fecondazione consiste nell'unione dell'ovulo femminile con uno dei tanti spermatozoi maschili, per formare una cellula - lo zigote - da cui si svilupperà una nuova vita.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Durante il rapporto sessuale, nel momento dell'eiaculazione, gli spermatozoi (in numero variabile tra i 150.000 ed i 400.000) vengono spinti nella vagina. Lo sperma viene emesso in tre frazioni: la prima è piuttosto povera di spermatozoi, la seconda ne è più ricca ma solo la terza ed ultima, che racchiude all'incirca il 20-30% degli spermatozoi totali, contiene gli spermatozoi più vitali e mobili, quelli, in altre parole, che hanno le maggiori probabilità di fecondare l'ovulo materno. Gli spermatozoi attraverso la vagina penetrano nel canale cervicale, che si trova nel collo dell'utero, e da qui si dirigono verso le tube di Falloppio.

Quest'ultime sono piccoli condotti che partono dal fondo dell'utero e che terminano in corrispondenza dell'ovaio. Nelle tube avviene l'incontro fra lo sperma e l'ovocita, che nel frattempo è stato espulso dall'ovaio, è stata catturato dalle fimbrie (specie di frange alla fine della tuba) e spinto verso l'utero da ciglia mobili. Nel breve arco di circa 12 ore l'ovocita viene raggiunto da quei pochi spermatozoi che sono riusciti a sopravvivere nel lungo viaggio dalla vagina in poi. Quando il primo di loro (il più forte!) penetra all'interno dell'ovocita, questo diventa immediatamente impermeabile agli altri spermatozoi.

Calcolando che: l'ovulazione si verifica in media 14 giorni dopo l'inizio delle mestruazioni ma può avvenire alcuni giorni prima o alcuni giorni dopo l'ovocita sopravvive non più di 24 ore gli spermatozoi rimangono vitali per circa 3-4 giorni il periodo più propizio per il concepimento va da 10 a 18 giorni dopo il primo giorno dell'ultima mestruazione.

20/8/2000

31/12/2014

X

Sai che puoi avere tutti i giorni un consiglio del Pediatra? Iscriviti gratis alle nostre Newsletter!

Tutti i giorni le Pillole di Pediatria, un consiglio del Pediatra sulla salute del tuo bambino, su misura per la sua età. E se sei in attesa, 9mesi è la newsletter che ti accompagnerà per tutta la gravidanza, settimana dopo settimana.
Scrivi qui sotto la tua email e clicca su OK!

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Fecondazione: come avviene"

Sterilità e fecondazione assistita
Si parla di sterilità quando la coppia non riesce a concepire dopo un anno di rapporti sessuali regolari. La fecondazione assistita può essere la soluzione.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento artificiale: come faccio a fargli accettare il biberon?
Consigli per far accettare il biberon in corso di allattamento artificiale.
Sangue nelle urine
La presenza di sangue nelle urine va sempre accertata ed eventualmente approfondita.
Toxoplasmosi in gravidanza: gli alimenti da evitare
I consigli del ginecologo su alimentazione, cibi e norme igieniche da seguire per evitare il contagio della toxoplasmosi in gravidanza.
A sei anni cammina ancora sulle punte dei piedi
Quale ginnastica deve fare un bambino che cammina sulle punte dei piedi? È importante verificare che la deambulazione si normalizzi dopo i tre anni di età.
Dermatite atopica: quanto spesso lavare il bambino?
Quanto spesso lavare la pelle del bambino con dermatite atopica? La pelle è secca e soffre i lavaggi energici.

Quiz della settimana

L'andatura di un bambino in punta di piedi
È considerata normale fino ai due anni di vita
E' sempre patologica
Richiede quasi sempre un intervento chirurgico
Va trattata fin dall'inizio con plantari