ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Placenta e cordone in gravidanza

Durante la gravidanza nell'utero materno si forma la placenta, un organo che ha lo scopo di nutrire, proteggere e sostenere la crescita del feto.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

Alla fine del terzo mese, il grappolino di cellule che teneva in collegamento il feto alla parete dell’utero si moltiplica e si trasforma in un dischetto spugnoso che copre circa un quarto dell’utero. E’ la placenta, l’organo da cui dipendono i contatti madre–figlio per tutta la gestazione e la produzione di alcuni ormoni essenziali per la gravidanza.  Essa si ingrandirà e ispessirà parallelamente alla crescita del bambino.

Il feto non respira, dunque gli deve arrivare l’ossigeno necessario dal sangue della madre. E non ha modo di espellere all’esterno l’anidride carbonica e gli altri residui, dunque deve scaricare queste sostanze nel sangue materno.
La placenta è il filtro che permette al sangue della madre di cedere il suo ossigeno e le altre sostanze chimiche al sangue del bambino. Una grossa vena corre dalla placenta lungo il cordone ombelicale: da qui il sangue ossigenato va ad irrorare tutti i tessuti fetali.
Poi il sangue viene ripompato dal cuore del bambino attraverso due arterie fino alla placenta, dove scarica le sostanze di scarto e viene riossigenato, e così via.

1/12/2009

27/8/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Placenta e cordone in gravidanza"

Donazione del cordone ombelicale
La donazione del sangue del cordone ombelicale è un gesto d'amore che può salvare delle vite.
La donazione del sangue dal cordone ombelicale
La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Le sue cellule staminali sono utili nella cura di alcune gravi malattie del sangue.
Donare il cordone ombelicale
Donare il sangue del cordone ombelicale del proprio bambino: un contributo per la ricerca e una possibilità di cura per gravi malattie.
La placenta
La placenta è l'organo di scambio fra la mamma e il bambino durante la gravidanza.
La medicazione del moncone ombelicale
Guida alla medicazione del cordone ombelicale: prima e dopo il distacco.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Acyclovir per la varicella
Perché alcuni pediatri sono restii a somministrare l'acyclovir in caso di varicella? I consigli del Pediatra.
Allattamento al seno: da che lato attaccarlo al seno?
E' consigliabile iniziare ogni allattamento con lo stesso seno con il quale si è terminata la poppata precedente.
Passaggio dalla scuola materna alla scuola elementare
Oltre al cambio dalla scuola materna alla scuola elementare, mia figlia dovrà inserirsi con nuovi amici.
La terza settimana di gravidanza
Alla terza settimana di gravidanza ma non dovresti avvertire, per il momento, alcun segnale.
Sindrome di Alport
La Sindrome di Alport è la malattia più comune fra i diversi tipi di nefriti ereditarie.

Quiz della settimana

Che cosa sono le petecchie?
piccole macchioline rosse che spesso compaiono dopo sforzo
lividi dovuti ad un trauma
piccole escrescenze cutanee causate da un virus
malformazioni congenite dell'intestino