ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue di cordone è ricco di cellule staminali, utili nella cura di alcune gravi malattie del sangue.

a cura di: Dott.ssa Donatella Bresciani (ginecologa), Prof. Silvano Zaglio (specialista in ostetricia e ginecologia - andrologia)

Il cordone ombelicale, che permette lo scambio di sostanze nutritive e di ossigeno fra la madre e il feto durante la gravidanza, viene reciso e generalmente buttato dopo la nascita del bambino.
Il sangue in esso contenuto, denominato sangue placentare in quanto sangue del bambino che permane nella placenta al termine del parto, è ricco di cellule staminali del tutto simili a quelle contenute nel midollo, dalle quali hanno origine i globuli rossi, i globuli bianchi e le piastrine. Queste cellule hanno un ruolo importante nella cura di alcune gravi malattie del sangue in particolare leucemie e linfomi.

Rispetto al midollo osseo, anch’esso impiegato per i pazienti affetti da leucemia e linfomi che necessitano di un trapianto, il sangue placentare presenta alcuni vantaggi: può essere raccolto e conservato presso adeguate strutture per più di dieci anni, essendo così immediatamente disponibile in caso di necessità; inoltre l’immaturità immunologica delle cellule in esso contenute riduce il rischio di una grave complicanza, la malattia del trapianto contro l’ospite, frequente dopo il trapianto di midollo osseo.

Subito dopo il parto, sia naturale che cesareo, quando il cordone è già stato reciso, il sangue cordonale viene prelevato con ago sterile e raccolto in una sacca per donazione. Questa procedura è innocua e indolore. La quantità di sangue raccolto, che varia da 50 a 150 ml, contiene cellule staminali sufficienti per un trapianto in bambini e individui fino a circa 50 kg di peso. La sacca sterile contenente il sangue cordonale deve giungere entro trenta ore dal parto alla banca del cordone ombelicale di riferimento, dove personale specializzato effettua le analisi necessarie e procede al congelamento a -190 °C in azoto liquido.

Il sangue del cordone ombelicale può essere usato per un trapianto solo se è privo di agenti infettivi. E’ necessario quindi effettuare alcuni controlli oltre che sullo stesso sangue anche sulla donna che partorisce. Si tratta solo di due prelievi  di sangue: uno al momento del parto e uno sei mesi dopo.

La donna deve perciò dare il suo consenso alla donazione e la sua disponibilità a sottoporsi alle analisi di controllo. Deve inoltre acconsentire alla raccolta dei suoi dati sanitari volta a verificare che non sia portatrice di malattie genetiche o infettive trasmissibili.

16/12/2009

1/11/2015

I commenti dei lettori

Mi chiamo Tiziana e ho partorito il 22 settembre scorso la piccola Giulia. Dopo un anno passato con mio marito ad informarmi il più possibile sulle cellule staminali e sulla loro conservazione nonchè possibile utilizzo, e dopo aver sottoscritto un contratto per la conservazione autologa del sangue cordonale di Giulia con una società, abbiamo in questi giorni ricevuto la spiacevole notizia che non è auspicabile conservare il campione in quanto la sua quantità è risultata essere troppo esigua. Io e mio marito abbiamo sperato molto di poter fare questo regalo a nostra figlia, sperando come tutte le persone come noi di non doverne mai fare utilizzo, ma questo non sarà possibile. L'unico dubbio che ci rimane però riguarda la quantità minima di sangue normalmente prelevabile dal cordone. Esiste un quantitativo di ml. minimo? Esso varia da bambino a bambino per esempio in base alla lunghezza del cordone stesso? Vi faccio questa domanda perchè il sangue prelevato dal cordone di Giulia era pari a 19,3 ml, mentre il valore medio dei campioni trattati dal laboratorio con il quale siamo in contatto è pari a 60 ml. Abbiamo inoltre letto che di norma vengono prelevati almeno 50 ml. Grazie in anticipo. Tiziana

Tiziana (LO) 03/11/2010

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "La donazione del sangue dal cordone ombelicale"

La medicazione del moncone ombelicale
Guida alla medicazione del cordone ombelicale: prima e dopo il distacco.
Donare il cordone ombelicale
Donare il sangue del cordone ombelicale del proprio bambino: un contributo per la ricerca e una possibilità di cura per gravi malattie.
Donazione del cordone ombelicale
La donazione del sangue del cordone ombelicale è un gesto d'amore che può salvare delle vite.
Placenta e cordone in gravidanza
E' la placenta, l'organo da cui dipendono i contatti madre–figlio per tutta la gestazione e la produzione di alcuni ormoni essenziali per la gravidanza.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
È troppo attaccata alla mamma
Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta