ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Dovrebbe dormire a pancia in su, ma non ci riesce

Il bambino dovrebbe dormire a pancia in su, ma non ci riesce. I bambini sono abitudinari e modificare le abitudini richiede tempo, pazienza e buon senso.

a cura di: Dott. Giancarlo Gallone (pediatra)

Sono la mamma di un bimbo di 20 giorni. Nonostante sia stata ben informata sull'aumentato rischio di SIDS della posizione prona, non riesco a far dormire mio figlio supino: dopo pochi minuti si sveglia. Ho peraltro riscontrato presso amici e conoscenti che questo problema non è così infrequente: ci sono bimbi che amano dormire proni e non si riesce a farli dormire diversamente. Avete qualche consiglio da darmi?

Gentile Signora, il problema che lei riscontra in effetti è più frequente di quanto non sembri: molti bambini, infatti, hanno difficoltà ad addormentarsi o a dormire supini. Non esistono dati statistici in merito ma, nella mia esperienza, sono circa un 5%. Non vi è dubbio che il maggior fattore di rischio per la SIDS sia la posizione prona nel sonno: allora come comportarsi?

I bambini sono abitudinari e modificare tali abitudini richiede tempo, pazienza e buon senso. Premesso che parliamo di bambini sani, non essendoci regole precise o ricerche che ci possano indirizzare, personalmente consiglio fin dalla nascita la posizione supina che dovrebbe essere applicata in tutte le neonatologie, cosa che purtroppo, per abitudini e per paure immotivate, ancora non avviene routinariamente. In tal modo si crea già dai primi giorni quella abitudine che diventerà per il neonato il suo status normale.

Nei casi difficili lasciare addormentare il bambino in posizione sul fianco o, se anche questo non fosse possibile, in posizione prona; dopo un certo lasso di tempo, che potrà variare da bambino a bambino in funzione del suo addormentamento profondo, rigirare delicatamente e con dolcezza il bambino in posizione supina. In genere ripetere per un certo numero di volte e di giorni tale procedura consente al bambino di sincronizzarsi su questa abitudine corretta.

L'importante è non scoraggiarsi e cercare di raggiungere questo obiettivo nel tempo più rapido possibile. Ricordiamoci che con dolcezza, fermezza e dedizione questi risultati vengono assimilati da tutti i bambini.

13/4/2004

20/6/2016

I commenti dei lettori

Da 3 mesi sono diventata mamma della mia secondo genita.Anche lei predilige la posizione prona e sono 3 mesi che seguo i vostri consigli...mia figlia continua a svegliarsi pochi minuti dopo averla messa in posizione supina.La mia dedizione a lei è a 360° ma sono veramente arrivata al culmine della pazienza, anche perché mi sento in colpa quando la sento piangere. Come devo comportarmi?

giuliana di lullo (MO) 15/10/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Dovrebbe dormire a pancia in su, ma non ci riesce"

Che cosa sono gli episodi di ALTE?
Mia figlia ha avuto nei primi mesi di vita numerosi episodi di ALTE, ma si è sempre ripresa.
Un apparecchio per il controllo del respiro del neonato
L'apparecchio per il controllo del respiro del neonato purtroppo non assolve l'obbiettivo ovvero non suona quando a volte un bambino presenta un'apnea.
Un elettrocardiogramma per prevenire la sids
La morte in culla o SIDS (Sudden Infant Death Syndrome) è un evento che avviene in ogni paese del mondo. L'età di maggior rischio è nei primi mesi.
Elettrocardiogramma per tutti i neonati
Una proposta per prevenire le morti in culla.
Posizione nel sonno e morte improvvisa del lattante
Statisticamente la SIDS (morte improvvisa del lattante) capita più spesso in chi ha una posizione nel sonno sbagliata.
QT lungo e SIDS
La sindrome del QT lungo si caratterizza per la presenza di un intervallo particolarmente allungato tra l'onda Q e l'onda T.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Dieta di scatenamento
La dieta di scatenamento consiste nel provare una serie di alimenti per individuare quello responsabile dell'allergia.
Non racconta nulla di quello che succede a scuola
Quando le chiedo cosa ha fatto a scuola mi risponde che non sa, non si ricorda. E non ci racconta nulla. I consigli della psicologa.
Torcicollo congenito
Il torcicollo congenito è una deformità presente alla nascita. Non è sempre necessario l'intervento chirurgico.
Aumento di peso in gravidanza
L'aumento di peso nell'arco dell'intera gravidanza normalmente si aggira tra i 7 e i 14 kg complessivi.
Calo di peso nel neonato
Il calo di peso è normale nei primi giorni di vita del neonato. Si considera normale che un neonato a termine recuperi il peso della nascita entro 8-10 giorni.

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta