ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Mamma e depressione post-partum

La nascita di un bambino non sempre è un immediato motivo di gioia e di eccitazione. Può accadere che la mamma vada incontro a oscillazioni dell'umore, tristezza, ansia, voglia di piangere.

Se Mamma è un pò “Giù”

La nascita di un bambino non sempre è un immediato motivo di gioia e di eccitazione. Infatti può accadere che tu, mamma vada incontro a oscillazioni dell’umore, tristezza, ansia, voglia di piangere senza ragione, irritabilità, affaticamento, mal di testa e senso di inadeguatezza, soprattutto nei confronti del bambino.
Se dovesse succedere anche a te, non restare sorpresa e soprattutto non vergognarti e non sentirti in colpa perché sono molte le mamme che vanno incontro a questa leggera depressione, chiamata “Baby blues”, che si risolve nel giro di qualche giorno o settimana.
Cerca di parlare con un professionista di tua fiducia che potrebbe essere anche la tua ginecologa, o l’équipe del Consultorio Familiare.
Scambiare esperienze con altre mamme può essere di grande aiuto. In queste occasioni pensiamo che il problema sia soltanto nostro e invece non è vero.
Condividere gli stessi stati d’animo è piacevole e fa recuperare l’autostima.
Prova a non chiuderti in te stessa. Se dalla prima richiesta d’aiuto non esci soddisfatta e incoraggiata cerca quanto prima un’altra strada, un altro/a interlocutore/trice. Hai diritto di essere felice assieme al tuo figlio e al tuo compagno o marito.
Potresti cambiare ginecologa, cercare un medico, un’altra amica, un diverso tentativo di spiegare il tuo stato d’animo al tuo partner, un consulente spirituale, una lunga telefonata alla tua mamma e tante altre piccole iniziative compatibili con le tue aspirazioni, bisogni, valori e credenze.
Ricordati che il tuo piccolino uscito dalla tua pancia è in totale simbiosi con te e pertanto incredibilmente sensibile alle tue emozioni. Inutile provare a nasconderle. Questo rapporto intenso tra madre e figlio/a andrà avanti per circa i primi 3 anni di vita del bambino.
E rimarrà dentro sia a te che al bambino. In un numero minore di donne (ma si parla comunque di più del 10% - che non è poco) si può sviluppare una forma di depressione più severa, la depressione post partum, in forma più o meno grave.
I sintomi e i segni possono essere in parte gli stessi del “baby blues”, ma più intensi e duraturi. Si possono inoltre aggiungere altri sintomi che possono interferire pesantemente con la tua vita normale.
Potresti infatti sperimentare anche stanchezza, senso di torpore o di fallimento, indifferenza nei confronti di te stessa e del tuo bambino, o, al contrario, eccessiva preoccupazione, meno interesse per l’attività sessuale, oscillazioni dell’umore molto severe, alterata capacità di pensare o di concentrarsi, insonnia o aumento del bisogno del sonno, desiderio di ritirarti dalla famiglia e dagli amici.
Anche in questo caso non devi sentirti inadeguata o in colpa, ma soprattutto non devi vergognarti di parlarne, specialmente con un medico e cercare insieme a lui il modo più adatto a te per superare rapidamente questo brutto periodo. Ci sono vari strumenti a disposizione, dai farmaci al counselling, che possono aiutarti a uscire da una condizione che altrimenti può durare molti mesi.
L’importante è non aspettare troppo. Intervenire tempestivamente può risparmiarti un periodo di grande sofferenza, rischiando anche di compromettere lo sviluppo di una corretta relazione tra te e il bambino.
La ricerca di aiuto deve essere “immediata” invece in quei rari casi in cui si rischia la cosiddetta “psicosi depressiva”.
Per fortuna è rara, ma può mettere in pericolo di vita la mamma e il figlio. In questa condizione ai sintomi della depressione si aggiungono la paura di far del male a te o al tuo bambino, confusione e disorientamento, allucinazioni, paranoia.

Perché succede tutto questo?

Le cause possono essere diverse: fattori ormonali, emotivi, sociali e legati allo stile di vita possono agire contemporaneamente. Ma qualunque sia la causa l’importante è sapere che non si tratta di debolezza di carattere o di un tuo difetto o della tua incapacità di essere una buona madre.
E’ semplicemente qualcosa che può succedere quando si dà alla luce un bambino e ci si sente in estrema solitudine. Con un aiuto adeguato, si può accelerare la ripresa e potrai finalmente goderti il tuo bambino.

(Liberamente tratto da: BAMBINE e BAMBINI del MONDO GUIDA PER LE FAMIGLIE, Ministero della Salute) 

9/7/2011

31/5/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Mamma e depressione post-partum"

Sbalzi di umore in gravidanza
In gravidanza spesso si hanno sbalzi di umore: si passa dalla gioia alla tristezza senza sapere il perchè.
Essere genitori oggi
Spesso le nuove responsabilità e l'impegno per il bambino costituiscono un carico al quale i neogenitori risultano impreparati.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Aumento di peso in gravidanza
L'aumento di peso nell'arco dell'intera gravidanza normalmente si aggira tra i 7 e i 14 kg complessivi.
Calo di peso nel neonato
Il calo di peso è normale nei primi giorni di vita del neonato. Si considera normale che un neonato a termine recuperi il peso della nascita entro 8-10 giorni.
Servono le lenti progressive nella miopia?
Non esiste nessuna evidenza scientifica che la lente Varifocale o progressiva sia utile nella gestione della miopia.
Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.

Quiz della settimana

Che cosa e' il meconio?
Una secrezione densa emessa dalla bocca del neonato al momento della nascita
Una sostanza emessa dall'intestino del neonato
Una sostanza vischiosa proveniente dal naso del neonato
Nessuna delle risposte corretta