ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Il bagnetto del neonato

Il bagnetto del neonato è un rituale che può sembrare complicato all'inizio, ma poi diventa un bel momento di gioco. La temperatura ideale è tra 32° e i 35° C.

Non c’è un orario particolare per il bagnetto del neonato. In genere è meglio evitarlo quando il piccolo ha appena mangiato o è affamato. Con alcuni accorgimenti può essere un momento di gioco. Nelle prime settimane di vita, fintanto che non si è verificato il distacco definitivo del cordone ombelicale è consigliabile non immergere il bambino e lavarlo con una spugna dedicata a questo scopo, anche se non è pericoloso di per sé fare il bagnetto per immersione. Lo stesso vale in caso di circoncisione maschile, fino a che non sarà rimarginata la ferita.

In seguito non è necessario farlo tutti i giorni. Infatti, se quotidianamente il bambino viene pulito con cura dopo la poppata e dopo il cambio del pannolino, è sufficiente fare il bagno 2-3 volte a settimana.

Per molti bambini il bagnetto è un’occasione di rilassamento, altri invece lo sopportano poco perché a volte, se le spalle non vengono ben contenute dalle vostre mani, si scatena il riflesso di Moro (allargamento repentino di entrambe le
braccia) che spaventa molto il neonato. Può aver bisogno di tempo per abituarsi e la sua reazione crescendo cambierà.
Perciò se lo vedete molto agitato, potete tornare a lavarlo con la spugna e riprovare ad immergerlo dopo un po’ di tempo.

In generale si consiglia di non immergere il bambino nella vasca grande del bagno per i primi sei mesi di vita, ma in una vaschetta riempita con 5-8 cm di livello d’acqua, avendo cura di appoggiarla su una superficie molto stabile e che non si rovesci. L’acqua deve essere tiepida: la temperatura ideale è tra 32° e i 35° C. Per controllare che la temperatura sia giusta, potete aiutarvi con il polso o con il gomito o con semplici termometri costruiti a questo scopo che si trovano in commercio.

Se il bambino è vicino al rubinetto dell’acqua calda, fate attenzione che non venga accidentalmente aperto: l’ustione provocata dall’acqua del rubinetto è una importante causa di ricovero in ospedale dei bambini sotto i quattro anni. Per evitare queste ustioni accidentali sarà anche sufficiente regolare il termostato dello scaldabagno a 60°, che è una temperatura idonea ad avere acqua sufficientemente calda e sotto il punto di ustione.

Prima di spogliare il bambino, assicuratevi che la stanza sia ben riscaldata perché il corpo dei più piccoli perde rapidamente calore. Durante il lavaggio si dovrà avere cura di sostenere il collo, la testa e le spalle del bambino/a con un braccio ed utilizzare la mano libera per il lavaggio. Se è presente, coinvolgere il papà nel bagno può essere un momento di relazione a tre. Inoltre loro hanno generalmente delle mani più grandi e i bambini se sentono ben sostenuti.

Si raccomanda di non tentare di pulire le orecchie introducendo cotton fioc o altri oggetti e di limitarsi quindi alla pulizia della parte esterna delle orecchie, magari con un batuffolo di cotone o con l’orlo dell’asciugamano. Allo stesso modo
non devono essere introdotti corpi estranei all’interno del naso del bambino per la sua pulizia. L’interno delle orecchie e del naso infatti non richiedono nessuna particolare pulizia in condizioni normali.

Il momento dopo il bagno può essere una buona occasione per tagliare le unghie che con l’acqua si saranno ammorbidite, utilizzando forbici adatte ai bambini.

(Tratto da: BAMBINE e BAMBINI del MONDO GUIDA PER LE FAMIGLIE, Ministero della Salute)

27/11/2010

10/4/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il bagnetto del neonato"

Bagnetto impossibile
E' diventato impossibile cambiarla o fare il bagnetto: non sta più ferma un attimo. I consigli per effettuare il bagnetto in sicurezza.
Piange quando gli facciamo il bagnetto
Bisogna essere in tre per tenerlo quando gli facciamo il bagnetto. Piange e si dispera.
Temperatura in casa con un neonato
Quale temperatura deve essere tenuta in casa quando si ha un neonato? I consigli del Pediatra.
Il bagnetto
Il bagnetto è per il bambino un'occasione di gioco e di relax e può diventare un piccolo rito che lo prepara ad andare a nanna.
Dermatite atopica: quanto spesso lavare il bambino?
Quanto spesso lavare la pelle del bambino con dermatite atopica? La pelle è secca e soffre i lavaggi energici.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattare quando riprende il ciclo?
La ripresa del ciclo non incide nell'allattamento. Sfatiamo alcune dicerie che talvolta capita di sentire.
Beclometasone dipropionato
Il principio farmacologico denominato beclometasone dipropionato appartiene alla classe dei farmaci corticosteroidi topici per uso inalatorio.
È troppo attaccata alla mamma
Il distacco dalla mamma è sempre un problema per ogni bambino. Ecco i consigli su come affrontare questo passaggio della vita.
Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta