ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Bambino che si ribella ed è sempre molto nervoso

Il mio bambino di nove anni non mi ascolta e si ribella ed è sempre nervoso ed aggressivo. Come risolvere la situazione. La risposta dello psicologo per risolvere la situazione.

a cura di: Dott. Massimo Sidoti (psicopedagogista della redazione di www.exducere.com)

Mio figlio, di nove anni e mezzo, non mi ascolta e anzi si ribella ed è quasi sempre nervoso ed aggressivo mentre, fino a un paio d'anni fa, era molto sereno e gentile. È una fase di crescita? Devo sgridarlo e punirlo o fingere indifferenza. Certo è che questo suo nervosismo contagia tutti (ho anche due gemelli di tre anni e mezzo), me per prima che spesso urlo e mi arrabbio anche alla prima provocazione perché non sopporto più questo atteggiamento di sfida e di mancato rispetto. Non capisco: quando gli spiego che deve cambiare torna come prima e mi promette e riconosce i suoi errori ma, dopo poco, ricomincia e si intestardisce. Chiedo aiuto: ho paura che le cose peggiorino e penso con ansia a quando, fra un anno, andrà in prima media e troverà forse un ambiente che lo sosterrà in questo atteggiamento.

Naturalmente, non essendo i bambini individui responsabili, non possiamo trattarli come tali. Quello che noi chiediamo ad essi deve essere conforme alle loro necessità ed alle loro possibilità in ogni fase del loro sviluppo. Il problema dell'obbedienza consiste nel vedere in maniera molto chiara quello che è psicologicamente più adatto a ciascuna età. L'obbedienza non è fine a sé stessa, ma essa è un mezzo di educazione.

Il problema consiste nel capire cosa chiediamo di fare ai bambini o cosa diciamo di fare, come impartiamo i nostri ordini e come giustificheremo le nostre proibizioni. Le difficoltà subentrano quando non si hanno le idee chiare al riguardo.

Probabilmente esigeremo l'obbedienza quando non avrà più importanza o la chiederemo in maniera tale da provocare contraddizioni ed ostinazioni che sfoceranno in aggressività da parte del bambino. Occorre rivedere il nostro comportamento, analizzando le nostre richieste di obbedienza con razionalità e sicuri che tali siano una cosa giusta per lui. Quindi, chiediamoci spesso: siamo sicuri di non commettere errori?

Partendo dal presupposto che ogni bambino si dedica intensamente a tutto quello che lo interessa senza tener conto del tempo né del luogo, capiremo che per lui interrompere ciò che sta facendo è molto importante. Basterà avvisarlo qualche istante prima, ad esempio: "Fra dieci minuti vieni a tavola". affinché il bambino accetti volentieri determinate condizioni essendo indiscutibili.

25/7/2003

26/3/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Bambino che si ribella ed è sempre molto nervoso"

Come punire un bambino?
Come punirlo? A quattordici mesi non serve punire il bambino perchè a questa età, non ne capisce il significato.
Come sculacciare un bambino?
L'educazione deve essere impartita con discorsi, voce ferma, comportamenti lineari. I bambini non vanno mai picchiati, né sulle manine, né sul sederino.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte