ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Quali alternative alla sculacciata?

A volte ci scappa una sculacciata. Sappiamo che non è né risolutiva né educativa, ma non abbiamo trovato ancora nessuna alternativa efficace. Cosa consiglia la psicologa.

a cura di: Dott.ssa Maria Rosa Sampieri (pedagogista)

Che alternative alla sculacciata? Abbiamo un bambino di circa tre anni abbastanza vivace e con un bel caratterino. Talvolta in momenti di estrema necessità ci scappa una sculacciata o un ceffone. Nonostante sappiamo bene che in questi casi non è né risolutivo né educativo mollargli un ceffone o una sculacciata non abbiamo trovato ancora nessuna alternativa efficace. Potreste indicarci come dovremmo comportarci in queste situazioni?

Cari genitori, la sculacciata o ancor peggio il ceffone, come bene avete detto, non sono il rimedio adatto ad educare un bambino, al di là dell'età: sono rimedi d'immediato effetto, ma che pongono sia il bimbo che il genitore a vivere un atto di violenza profondamente diseducativo.

Lo schiaffo, per il genitore, spesso rappresenta la strada più breve al coronamento dell'obiettivo: "la propria tranquillità". Ma a chi in coscienza volesse provare a dare al proprio figlio un’alternativa di sviluppo della propria personalità, allora non resta che il tragitto più lungo e faticoso: armarsi di tanta pazienza, dare alla piccola birba la sensazione che chi gli sta’ di fronte è capace di contenere le birichinate, ma al contempo è altrettanto capace di esclamare un deciso rimprovero verbale. Successivamente, si proverà a spiegare al piccolo che dietro al rimprovero appena ricevuto, esiste una ragione logica e dimostrabile. Abbiate fiducia consolandovi nel sapere che la vivacità nel bambino è sintomo di benessere.

1/2/1999

21/12/2016

I commenti dei lettori

eh nooooooooooooooo! sculacciare un bambino o mollargli un ceffone....questo no! ma che razza di genitori sono?

anna (TO) 21/05/2013

Rispondo Anna Torino hai mai perso la pazienza.? E facile a parole ma davanti hai fatti non esistono cattivi o buoni genitori , mio figlio ha un dono innato nessuno fino ad ora è riuscito /a a trattenersi prima o poi perdono la pazienza tutti anche le persone che come te dicono ( ma che genitori sono! ) se vuoi te lo lascio un paio di ore . Grazie

Andrea (VE) 23/10/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Quali alternative alla sculacciata?"

Come sculacciare un bambino?
L'educazione deve essere impartita con discorsi, voce ferma, comportamenti lineari. I bambini non vanno mai picchiati, né sulle manine, né sul sederino.
Bambino che si ribella ed è sempre molto nervoso
Il mio bambino di nove anni non mi ascolta e si ribella ed è sempre nervoso ed aggressivo mentre, fino a un paio d'anni fa, era molto sereno e quieto.
Come punire un bambino?
Come punirlo? A quattordici mesi non serve punire il bambino perchè a questa età, non ne capisce il significato.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Il ciuccio per il neonato
Il ciuccio può essere utile per tranquillizzare il neonato, anche se, soprattutto nelle prime settimane, potrebbe ostacolare l'allattamento al seno.
Mandarlo in una scuola all'estero
E' piccolo: una scuola all'estero lo farebbe crescere bilingue, ma la famiglia sarebbe costretta a dividersi.
Sindrome di Prader-Willy
La sindrome di Prader-Willy è una malattia complessa la cui incidenza è stimata di circa 1: 10000-25000 nati con una prevalenza dei maschi sulle femmine (2:1).
Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Calcolo del peso fetale
Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? I consigli degli esperti.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica