ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Acetone

Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino. La terapia consiste nell'offrire al bambino bevande zuccherate.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Mio figlio ha spesso l'acetone: sarei lieto se mi poteste dare informazioni a riguardo.

L'acetone (acetonemia) o chetosi è una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino che, dopo aver bruciato tutti gli zuccheri a disposizione dell'organismo, inizia a bruciare anche i grassi.

Il bambino che "soffre di acetone" è di solito un soggetto dai tre - quattro anni in su, che presenta vomito, dapprima alimentare e successivamente acquoso e biliare, in corso di un episodio febbrile o anche ad insorgenza isolata. Al vomito, che si ripete ad accessi, si accompagnano mal di pancia, senso di malessere generale, occhi alonati ("occhiaie"), mal di testa, scarsa vivacità, lingua asciutta, patinosa. Il sintomo più classico è comunque l'odore caratteristico dell'alito, che sa di frutta troppo matura.

Viene anche chiamato "alito acetonemico" perché, allorquando il paziente inizia ad adoperare i grassi come fonte di energia alternativa agli zuccheri, si producono alcune sostanze (i corpi chetonici) difficili da smaltire, una delle quali è l'acetone. Questa è una sostanza volatile, eliminata con la respirazione, che sprigiona, a contatto con l'aria, il caratteristico odore che viene subito notato dai genitori.

Le crisi acetonemiche sono frequenti in situazioni quali un digiuno prolungato, una malattia acuta febbrile, uno sforzo fisico molto prolungato, una gastroenterite, un'eccessiva assunzione di cibi troppi grassi, quali cioccolata, arrosti, patatine o altre fritture. Avendo consumato gli zuccheri a sua disposizione, l'organismo brucia come fonte di energia alternativa i grassi e produce, come già visto, i corpi chetonici che si accumulano nel sangue e nelle urine: in quest'ultime si possono identificare con l'ausilio degli stick urinari per la ricerca della chetonuria, in vendita in tutte le farmacie.

La terapia consiste semplicemente nell'offrire al bambino bevande zuccherate (the, spremute, succhi di frutta, Coca Cola) da somministrare a piccoli sorsi in caso di vomito. In questo modo si reintegrano le sue scorte di energia e l'organismo riprende ad utilizzare come combustibile gli zuccheri: nel giro di 2 -3 giorni il piccolo si sentirà completamente ristabilito.

La prevenzione delle crisi di acetone consiste nell'eliminare o per lo meno ridurre dalla dieta del piccolo latte, formaggi, burro, carni grasse, fritti, cioccolato e insaccati, privilegiando invece pane, pasta, patate, riso, pesce, legumi e carni bianche.

1/4/1997

8/12/2016

I commenti dei lettori

Salve a tutti, non sono un'esperta di alimentazione, ma mi sembra assurdo elencare tra le bevande zuccherate da bere in piccoli sorsi per curare l'acetone anche la coca-cola...  Il mio bimbo ha quasi 19 mesi e fino ad ora non gli ho mai proposto coca-cola o bevande simili, é ovvio che prima o poi le scoprirà, ma non penso sia tra le cose salutari da utilizzare frequentemente, tantomeno come rimedio in un momento in cui non sta bene. Spiegatemi meglio per favore i suggerimenti di questo aricolo!

Agnese Bordoni (FI) 16/05/2012

Salve, forse lei non è a conoscenza del fatto che taluni credono che la coca cola, essendo una bevanda nata come digestivo, creata da un farmacista, sia in grado di diminuire l'acetone , favorendo inoltre la digestione..

Dafne Rostagno (MI) 22/11/2012

Agnese e Dafne, la spiegazione è molto più semplice. L'acetone è un disturbo metabolico che viene in carenza di zuccheri e dunque, nei bambini,capita soprattutto in corso di malattie con vomito (che si complica con digiuno e disidratazione) e febbre (che aumenta il fabbisogno di zuccheri ). In queste situazioni (e comunque nei bambini sopra i due anni di età) la Coca-Cola è una vera e propria medicina: idrata, fornisce zuccheri e, con un po' di caffeina, rimette in moto il metabolismo. Ovviamente, le stesse caratteristiche che la rendono utile in corso di acetone, ne sconsigliano l'uso come bevanda di tutti i giorni!

Giuseppe Varrasi, Pediatra (BS) 22/11/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Acetone"

Alito cattivo
L'alito cattivo o alitosi nei bambini si spiega con la formazione nella bocca di sostanze maleodoranti o con alcune malattie della bocca o del naso.
Emicrania
L'emicrania è un sintomo presente in tutta l'età pediatrica e che, poco frequente nei primi anni di vita, mostra un andamento crescente dall'età scolare.
Acetone nei bambini: sintomi e rimedi
Acetone nei bambini è frequente in caso di febbre. I sintomi sono nausea, sonnolenza eun alito tipico. Fra i rimedi, bevande zuccherate e soluzioni idratanti.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare