ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Soffre di emicrania dall'età di tre anni

L'emicrania è un sintomo presente in tutta l'età pediatrica e che, poco frequente nei primi anni di vita, mostra un andamento crescente dall'età scolare all'adolescenza.

a cura di: Dott. Sergio Manieri (pediatria)

Ho una bambina di sei anni che da circa tre soffre di mal di testa associato a vomito. Queste crisi prima sporadiche ora avvengono con una frequenza ravvicinata. Il mio pediatra dice che è cefalea ed è di natura ereditaria in quanto io stesso ne soffro. La terapia prescritta consiste in acido acetilsalicilico al bisogno e, se vomita, in una supposta di … (nome commerciale del Domperidone). Vorrei sapere cosa fare e quali accertamenti sono necessari per la risoluzione del caso. Preciso che mia figlia da un punto di vista alimentare viene controllata con scrupolo, non mangia cioccolata né insaccati o altri alimenti che possono scatenare le crisi, e fa un leggero uso solo di Coca-Cola.

La cefalea è un sintomo presente in tutta l'età pediatrica e che, poco frequente nei primi anni di vita, mostra un andamento crescente dall'età scolare all'adolescenza. Esistono numerosissime forme di cefalea che, senza entrare nel dettaglio, si diversificano sulla base della qualità e dell'intensità del dolore, della localizzazione e lateralizzazione, della frequenza delle crisi, della durata ed orario della loro insorgenza, dell'associazione con altri sintomi, dalla presenza di eventuali prodromi (ossia segni che precedono la crisi di cefalea), o di fattori scatenanti ed attenuanti. In base all'eziopatogenesi si distinguono due grandi gruppi di cefalea: cefalea secondaria ad altra patologia, detta anche cefalea sintomatica, e cefalea primitiva (non dovuta ad altra patologia) detta anche cefalea essenziale.

C'è da dire che gran parte delle cefalee in età pediatrica sono primitive od essenziali, mentre solo il 5-13% sono secondarie ad altre patologie. La cefalea essenziale è un'affezione a decorso cronico - ricorrente e ad andamento accessuale, discontinuo o continuo, caratterizzata da dolore al capo e/o da disfunzioni psico-vegetative (nausea, vomito, sudorazione, fotofobia ecc). Sulla base delle caratteristiche cliniche si riconoscono diverse forme di cefalea essenziale: cefalee emicraniche, cefalee a tipo tensivo, cefalee psicogene, cefalee a grappolo. In questo tipo di cefalee un minuzioso esame obiettivo generale e neurologico risulta essere peraltro normale.

Viceversa, la cefalea sintomatica si associa, in genere, ad altri disturbi e/o sintomi determinati dalla condizione responsabile del mal di testa. Si può trattare di cause sistemiche: malattie febbrili, ipertensione arteriosa, condizioni di ipossia (come l'accesso asmatico e le cardiopatie), ipoglicemia acuta oppure encefalopatie metaboliche; cause locali: dal trauma cranico, recente o pregresso, alle infezioni intracraniche, alla sinusite, ai disturbi oculari, alle patologie odontogene (carie o ascessi dentari), sino ai tumori cerebrali ed alle malformazioni vascolari (responsabili di emorragie o trombosi venose). Nell'età evolutiva, inoltre, riveste particolare interesse la cefalea indotta dall'ingestione di alimenti contenenti particolari sostanze che attraverso alcuni meccanismi scatenano le crisi di cefalea, in particolare tiramina e feniletilanina (formaggi, cioccolata, agrumi), sodio monoglicato (dadi, cibi in scatola, merendine), nitriti (salumi), istamina (pomodori, fragole).

Evidentemente, da quanto fin qui illustrato, sono essenzialmente due gli aspetti da considerare in caso di crisi ricorrenti di cefalea: escludere le cefalee sintomatiche che, sebbene abbiano una bassa incidenza, possono essere espressione di malattie potenzialmente gravi che necessitano di diagnosi e terapie precoci; definire il tipo di cefalea essenziale per una corretta terapia specifica. In effetti, se attraverso l'indagine anamnestica ed all'esame obiettivo neurologico emerge il sospetto di una cefalea sintomatica, sono disponibili tutta una serie di esami di laboratorio e strumentali (elettroencefalogramma, Rx cranio per seni paranasali, TAC e Risonanza Magnetica Nucleare cerebrale), in grado di definirne la diagnosi. Quando, invece, l'anamnesi e l'esame obiettivo indirizzano verso una cefalea essenziale la diagnostica per immagini è indicata solo in alcune particolari condizioni. Nell'iter diagnostico di queste cefalee è, invece, indicato anche l'approccio psicopatologico per definire l'aspetto psicologico personale e familiare del bambino. Una volta precisata la diagnosi si può mettere in atto la terapia più efficace, tenendo conto che la gestione della cefalea in età pediatrica è spesso complessa e richiede specifiche competenze ed un approccio multidisciplinare.

2/4/2002

25/10/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Soffre di emicrania dall'età di tre anni"

Ipertensione arteriosa
L'ipertensione arteriosa può verificarsi anche nei bambini e negli adolescenti.
Mal di testa nei bambini
Nei bambini il mal di testa, la cefalea e l'emicrania sono frequenti. E si curano con analgesici e vita sana.
Mal di testa in gravidanza
Il problema del mal di testa in gravidanza è che non si possono prendere farmaci e, comunque, prima di assumerli, occorre sempre consultare il ginecologo.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Sinusite
La sinusite è un'infiammazione acuta purulenta, di una o più cavità paranasali. Le infezioni di queste sedi sono frequenti nei bambini.
Stanchezza, mal di testa e irritabilità in gravidanza
All'inizio della gravidanza è molto frequente la sensazione di stanchezza e di facile irritabilità.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cos’è la logopedia e che cosa fa?
La logopedia ha lo scopo di migliorare le possibilità comunicative del bambino.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.
Un dente fessurato
Il dente fessurato è un'anomalia di forma del dente di latte che può essere o meno associata ad un'anomalia di numero degli elementi decidui.
La nausea in gravidanza
La nausea è spesso uno dei primi sintomi di gravidanza e colpisce, soprattutto con vomito al mattino, il 50% delle mamme in attesa.
La vaccinazione
La vaccinazione tutela contemporaneamente la salute dell'individuo e l'interesse della collettività.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta