ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Sinusite

La sinusite è un'infiammazione acuta purulenta, di una o più cavità paranasali. Queste cavità prendono il nome di seni e sono i seguenti: etmoidale, mascellare, frontale e sfenoidale.

a cura di: Dott. Saverio Mirabassi (pediatra)

A mia figlia è stata diagnosticato una sinusite dopo aver fatto una radiografia dei seni paranasali. Vorrei sapere tutto sulla sinusite e le cure. Il mal di testa e i dolori dietro gli occhi possono essere sintomi della sinusite?

La sinusite è un’infiammazione acuta, subacuta o cronica, purulenta, di una o più cavità paranasali. Queste cavità prendono il nome di seni, e sono i seguenti: etmoidale, mascellare, frontale e sfenoidale. Le infezioni di queste sedi sono, nei bambini, ben più frequenti di quanto non si riesca di regola a dimostrare, poiché derivano dalle comuni infezioni virali e batteriche delle alte vie aeree. Si parla in media di una complicazione sinusitica possibile in una percentuale variabile fra lo 0.5% e il 5% delle infezioni delle alte vie respiratorie.

Spesso un fatto allergico può essere alla base e partecipare alla sintomatologia di una sinusite, rendendo quindi più complicata sia la diagnosi che la terapia del fatto acuto. Le infezioni sinusali possono interessare uno o più cavità paranasali, ma è abbastanza frequente trovarsi davanti ad una "pansinusite", cioè ad un interessamento di tutte le cavità contemporaneamente: questo avviene perché fra mucosa nasale e mucosa dei seni paranasali non c’è soluzione di continuità e, anche se esistono meccanismi fisiologici di "ripulitura delle cavità", a volte non c’è modo di spingere le secrezioni che si formano all’interno dei seni a uscire completamente e stabilmente attraverso il forellino (ostio) che, già di piccolo diametro in condizioni di normalità, diventa ancor più ristretto quando, durante l’infiammazione, si ispessisce la mucosa che lo riveste.

Il primo problema della sinusite è quello di sospettarla! Nel bambino i segni che con maggiore frequenza si accompagnano a questa malattia sono:

  • Rinorrea purulenta (cioè emissione dal naso di materiale giallo-verdastro) che perdura oltre 10 – 12 giorni continuativamente (oltre il 75% dei bambini affetti presenta questo sintomo)
  • Risentimento riferito alle orecchie (presente nel 65 – 70% degli ammalati)
  • Tosse persistente, diurna (all’incirca nel 50 % dei bambini)
  • Febbre o febbricola (nel 20% circa dei casi)
  • Cefalea presente in una percentuale bassa (circa il 15 % degli affetti), diversamente da quanto avviene nell’adulto.

Il secondo problema è sapere quando i seni paranasali sono "disponibili" ad ammalarsi. Infatti il seno etmoidale (localizzato dietro la radice del naso) è il primo a pneumatizzarsi (riempirsi di aria), poi seguono i seni mascellari (in età scolare), infine i seni frontali e sfenoidale (in età puberale): di conseguenza esistono sinusiti, in teoria, peculiari per le diverse età. La diagnosi si fa mettendo in evidenza la colata mucopurulenta sul pavimento nasale oppure sulla parete posteriore della gola, associando questi reperti alla clinica, cioè ai sintomi presentati dal bambino e alla storia clinica che si è verificata nei giorni precedenti . La radiografia non è quasi mai strettamente necessaria per porre diagnosi di sinusite: di regola è sufficiente la visita e la corretta valutazione dei segni e dei sintomi. La terapia si fonda sull’uso di antibiotici (di regola per un periodo minimo di 10 giorni e medio di 14 giorni) e sull’uso eventuale di farmaci antiinfiammatori locali per permettere, nei limiti del possibile, una riduzione dell’infiammazione a carico dell’ostio del seno, al fine di consentire un migliore deflusso dell’essudato infiammatorio.

Ovviamente, la rimozione del muco nasale con apposito aspiratore rimane un presidio utilissimo per accelerare la guarigione e ridurre il disagio. Nelle forme "difficili" che ricorrono con frequenza è necessario non limitarsi alla cura dell’episodio, bensì ad approfondire la diagnosi con opportuni accertamenti in ordine a possibili allergie o a possibili fatti concomitanti e favorenti (aumento di volume delle adenoidi, deviazione del setto nasale).

25/5/2000

17/2/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Sinusite"

Cortisone in spray nasale per le adenoidi
Da una ricerca risulta che dopo un trattamento di circa sei mesi con uno spray a base di cortisone si è ottenuta la riduzione delle adenoidi nei bambini.
La tosse
Non presenta alcun sintomo di raffreddore, ma quando dorme, fa due e tre colpi di tosse. Quale può essere la causa?
Alito cattivo
L'alito cattivo o alitosi nei bambini si spiega con la formazione nella bocca di sostanze maleodoranti o con alcune malattie della bocca o del naso.
Tosse secca
Talvolta dietro una tosse secca continua, fastidiosa e soprattutto notturna, può esserci una crisi d'asma.
Muco brutto dal naso
Un bambini piccolo, a causa della sua età, è un soggetto a rischio per essere colpito con relativa frequenza da infezioni delle alte vie respiratorie.
Catarro nei bambini
Il mio bambino è pieno di catarro e tosse: il pediatra parla di adenoidi e di sinusite.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte