ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Allergia alimentare

L'allergia alimentare tende a risolversi spontaneamente dopo il secondo anno di vita per cui, all'età di 10 anni, la frequenza è analoga a quella degli adulti.

a cura di: Dott. Renato Sambugaro (allergologo pediatra)

Vorrei sapere cosa si intende esattamente per malassorbimento dovuto ad allergia alimentare?

Gli alimenti possono produrre fondamentalmente tre tipi di reazioni avverse: reazioni allergiche propriamente dette, reazioni pseudoallergiche (additivi alimentari), e reazioni da intolleranza (deficit di lattasi, con intolleranza al latte). Soltanto pochi casi (5%) di reazioni avverse ad alimenti sono da considerare veramente di origine allergica e la frequenza è superiore nella prima infanzia. Spesso queste allergie alimentari tendono a risolversi spontaneamente dopo il secondo anno di vita per cui, all'età di 10 anni, la frequenza è analoga a quella degli adulti (1% della popolazione). Tralasciando i meccanismi immunologici assai complessi che causano allergia alimentare, soffermiamoci sui quadri clinici assai variabili: Sindrome allergica orale (prurito al palato, edema delle labbra, talvolta edema della glottide) Gastroenteropatia acuta (dolori addominali, vomito, diarrea).

Questa è probabilmente la forma segnalata nella domanda. Qui i reperti ottenuti da biopsie hanno evidenziato lesioni della mucosa intestinale, la quale, infiammata ed in preda alla reazione allergica, non riesce ad assorbire correttamente gli alimenti e da qui il malassorbimento. Altre manifestazioni possono essere cutanee (orticaria), respiratorie (rinite, asma), sistemiche (fino allo shock anafilattico, piuttosto raro). La terapia si basa sull'eliminazione dell'alimento responsabile, una volta individuato. Il trattamento dietetico deve essere condotto in maniera rigorosa. La terapia farmacologica si basa sull'uso di farmaci ad azione preventiva (sodiocromoglicato) o sintomatica (antistaminici).

20/11/2000

4/3/2013

I commenti dei lettori

mio figlio di 2anni e 4mesi ha mangiato l'insala di mare, sabato mattina ha inizito con il prurito e' allergico al pesce?che cura posso fare? grazie

maria (SV) 04/02/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Allergia alimentare"

Allergico al lattice
Attualmente sono disponibili vari prodotti realizzati con materiali alternativi al lattice della gomma naturale.
La casa del bambino allergico
Nel bambino allergico è necessario applicare misure di prevenzione anti-acaro. Alcuni consigli su come deve essere arredata e vissuta la casa.
Prick-test: i test cutanei per l'allergia
Il Prick test è uno degli esami fondamentali per la diagnosi di allergia nei bambini.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Come si sviluppa la vista nei neonati
Cosa vede il neonato? Come si trasforma e si sviluppa la vista dei neonati nel primo anno di vita.
Il seno in gravidanza
Durante la gravidanza il seno si prepara per l'allattamento. Il seno diventa più sodo e più grosso.
Nevo acromico
Il nevo acromico è una alterazione circoscritta, solitamente congenita, della pigmentazione che si identifica con una chiazza di ipopigmentazione.
Cos’è la logopedia e che cosa fa?
La logopedia ha lo scopo di migliorare le possibilità comunicative del bambino.
L'alimentazione del neonato e del bambino piccolo
L'alimentazione dei neonati e del bambino piccolo: le indicazioni dei nostri esperti.

Quiz della settimana

Che cosa fare in caso di perdita di sangue dal naso?
piegare la testa il piu' possibile all'indietro
comprimere la parte ossea del naso
riempire le narici di cotone per arrestare l'emorragia
nessuna delle risposte e' corretta