ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

Come si contagia l'influenza

Il contagio dell'influenza avviene attraverso le goccioline di saliva che emettiamo e con il contatto con le mani contaminate. Fra i bambini un ruolo importante può avere lo scambio di giocattoli.

a cura di: Dott. Massimo Generoso (pediatra)

Nelle persone infette il virus influenzale si trova nella saliva e nel muco delle vie respiratorie e può penetrare nell'organismo attraverso la bocca, il naso e gli occhi. Il virus si trasmette da una persona all'altra attraverso le microscopiche goccioline di saliva che ciascuno di noi emette quando parla o tossisce; anche il contatto con mani contaminate dalle secrezioni respiratorie infette è una fonte di contagio. Fra bambini piccoli, un ruolo importante può avere lo scambio di ciucci, giocattoli o indumenti da poco insalivati.

Gli ambienti chiusi, sovraffollati e con uno scarso ricambio d’aria sono quelli in cui più facilmente si diffonde l’influenza, per una maggior facilità ad entrare in contatto con i virus eliminati dai soggetti infetti. I luoghi più a rischio sono perciò:

  • asili nido
  • scuole
  • negozi
  • supermercati
  • centri commerciali
  • ristoranti
  • pizzerie
  • pub
  • cinema
  • discoteche
  • autobus
  • treni

Quindi, il contagio avviene esclusivamente dal malato al sano: non è possibile ammalarsi per interposta persona. Per la stessa ragione, il freddo o i colpi d'aria non hanno un ruolo nella trasmissione della malattia. Il malato è contagioso già nelle 24 ore precedenti l'inizio dei sintomi. Questo significa che il virus può essere trasmesso anche da persone apparentemente sane.

Il soggetto “influenzato” rimane contagioso per circa una settimana, con un massimo di contagiosità che coincide con i primi giorni. Il periodo di incubazione, cioè il tempo che passa fra il contagio e l'inizio dei disturbi, è di 1-4 giorni.

La fase acuta ha una durata 4-5 giorni e normalmente i sintomi scompaiono completamente nel giro di una o due settimane.

11/8/2009

28/1/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Come si contagia l'influenza"

Effetti collaterali del vaccino contro l'influenza
Raramente si possono osservare effetti collaterali. Nella sede d’iniezione può verificarsi la comparsa di rossore, gonfiore e nelle 48 ore succesive.
L'influenza
L'influenza è una malattia infettiva acuta, caratterizzata da sintomi di tipo respiratorio e dal fatto di presentarsi con epidemie nella stagione invernale.
Vaccinazione contro l'influenza
Generalmente l'influenza è una malattia lieve, ma se viene contratta da alcune categorie di bambini a rischio si possono avere più facilmente complicanze.
Le complicazioni dell'influenza
Complicazioni dell'influenza: anziani e bambini sotto i 2 anni sono i più esposti.
Epidemie di influenza
L'influenza causa epidemie in inverno. Studiare l'impatto dell'influenza sulla popolazione aiuta a distinguere l'influenza dalle altre forme virali.
I sintomi dell'influenza
L'influenza si manifesta con febbre, brividi di freddo, mal di testa, dolori muscolari diffusi e marcata spossatezza.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte