ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

Il calendario delle vaccinazioni

Il calendario delle vaccinazioni è lo schema dei tempi in cui vanno effettuate le vaccinazioni dei bambini, sia obbligatorie che raccomandate.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Per calendario delle vaccinazioni si intende la successione cronologica con cui vanno effettuate le vaccinazioni dei bambini, sia obbligatorie che raccomandate, fino all’adolescenza.

Naturalmente il calendario delle vaccinazioni è un riferimento che può cambiare nel tempo, sia per la disponibilità di nuovi vaccini per malattie che costituiscono una seria minaccia per la salute, sia per l’eradicazione di malattie per le quali non è più necessario praticare la vaccinazione.

Il calendario ideale per le vaccinazioni deve tener conto di vari fattori:

  • età alla quale una malattia ha la massima incidenza
  • età alla quale la malattia ha la massima gravità
  • età alla quale la risposta immunitaria è più alta
  • possibilità di associazione tra vaccini diversi per ridurre il numero di sedute vaccinali
  • situazione delle schedule vaccinali e dei sistemi di vaccinazione già in atto
  • tipo di vaccini e loro combinazioni sul mercato nazionale.

Sulla base di questi principi il Ministero della Salute italiano ha redatto un calendario vaccinale per l’età pediatrica che soddisfa sia il criterio di efficacia dei vaccini sia quello di tempestività della somministrazione nei confronti del rischio di malattia, e che risponde all’esigenza di un numero ridotto di appuntamenti in consultorio.

Elemento caratterizzante del nuovo Piano Nazionale Vaccini è stato il superamento della differenze tra le vaccinazioni obbligatorie e quelle raccomandate, ponendole per importanza tutte sullo stesso piano, introducendo così le premesse per il superamento delle norme vigenti sull’obbligatorietà dei vaccini.

Altro elemento caratterizzante è stata l’apertura data alle Regioni Italiane di adottare nei propri calendari, in base a specifici programmi, i vaccini più recenti (quello contro lo pneumococco, il meningococco, la varicella, il papillomavirus). Sulla base delle modifiche del titolo V della Costituzione che assegnano alle Regioni le competenze in materia di prevenzione, esistono però, a tutt’oggi, difformità regionali sulle modalità di somministrazione e di compartecipazione al costo dei nuovi vaccini (gratuiti o meno a seconda della Regione di appartenenza), che hanno condotto ad una situazione di copertura disomogenea in tutta Italia per tali vaccinazioni.

In tutto il mondo ogni nazione ha un proprio calendario che viene aggiornato periodicamente e fra tutti ha una certa rilevanza internazionale quello degli U.S.A., che viene sottoposto a revisioni periodiche sulla scorta di nuovi lavori scientifici, delle variazioni epidemiologiche, delle reazioni avverse e delle nuove proposte vaccinali messe a disposizione dalle aziende farmaceutiche del settore.

Anche la FIMP (Federazione Italiana Medici Pediatri), che rappresenta quasi 7.000 Pediatri di Famiglia, propone periodicamente un proprio calendario vaccinale.

17/8/2009

16/10/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Il calendario delle vaccinazioni"

Vaccinazione contro la poliomielite
Esistono due tipi di vaccino contro la poliomielite, entrambi in grado di proteggere in modo efficace dalla malattia.
Il vaccino contro la tubercolosi
Il vaccino contro la tubercolosi è costituito dal batterio tubercolare, che viene reso incapace di provocare la vera malattia.
Vaccinazione contro la difterite
IL vaccino antidifterico è contenuto nella fiala del vaccino esavalente. Questa vaccinazione viene fatta a 3, 5 ed 11 mesi.
Vaccinazione contro la varicella
Un bambino può presentare da 300 a 500 lesioni della pelle durante l’infezione.
Vaccinazione contro il tetano
Il tetano è una malattia infettiva gravissima, che determina contrazioni muscolari in tutto il corpo. Non è contagioso.
Vaccinazione contro il tifo
La vaccinazione contro il tifo è indicata in particolari situazioni epidemiche.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.
Omogeneizzati o liofilizzati?
Omogeneizzati e liofilizzati hanno le stesse caratteristiche nutrizionali. Nelle prime fasi dello svezzamento vengono spesso preferiti i liofilizzati.
Campagna nazionale di educazione nutrizionale
Mangiar bene conviene per investire in salute.
Certificato di nascita e altri documenti dopo il parto
Appena nato e già alle prese con la burocrazia: certificato di nascita e altri documenti dopo il parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte