ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Dacriocistite

La dacriocistite è un'infiammazione, in forma acuta o cronica, del sacco lacrimale, caratterizzata da dolore, arrossamento e edema spesso accompagnata da lacrimazione copiosa.

a cura di: Dott.ssa Paola Danzi (oculista)

La mia bambina ha appena otto mesi e sin dalla nascita ha avuto una costante lacrimazione dell'occhio. Il Pediatra ci ha indirizzato verso uno specialista soltanto dopo cinque mesi dalla nascita. L'oculista da qualche mese ci fa somministrare antibiotico locale a cicli (8 giorni) e massaggiare la base occhio/naso. Nessun miglioramento. Adesso ci dice che è il caso di ricorrere all'intervento. E' giusto farlo adesso o è consigliabile aspettare ancora? Che danni può ricevere l'occhio se si aspetta ancora?

Se la cura medica associata al massaggio della regione naso-lacrimale non hanno dato alcun risultato è corretto procedere al sondaggio e al lavaggio delle vie lacrimali tramite una manovra manuale (con l'intervento in sedazione o senza la sedazione: la scelta dipende dallo specialista cui ci si affida).

Alcuni oculisti effettuano l'intervento in ospedale con l'anestesia, altri eseguono la manovra anche ambulatorialmente senza addormentare il bimbo, perchè ritengono più invasiva la sedazione di quanto possa essere la manovra eseguita tenendo fermo il piccolo paziente di forza in più persone.

Semplici correnti di pensiero: entrambi le procedure, se eseguite correttamente, sono efficaci.

 

17/6/2010

12/7/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Dacriocistite"

Epifora: gli lacrima sempre l'occhio
Epifora è dovuta a un restringimento del puntino lacrimale, del canalino lacrimale o del dotto naso-lacrimale. Le cause e le soluzioni.
Disostruire il canale del deflusso lacrimale
E' pericolosa per un neonato l'anestesia totale per disostruire il canale del deflusso lacrimale? Il parere dell'esperto.
Stenosi congenita dei canali lacrimali
I suoi occhi continuano a lacrimare malgrado sia stato sottoposto a sondaggio delle vie lacrimali.
Canalicoli naso-lacrimali
Mio figlio ha eseguito il lavaggio dei canali lacrimali ma il problema non si è risolto.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Le vaccinazioni nel neonato
Per avere informazioni precise sul “calendario vaccinale” del neonato è oppurtuno rivolgersi al pediatra o al centro vaccinale della vostra zona.
Mamma con miopia molto grave
Un recente studio su 50 donne gravide affette da miopia superiore a 4,50 diottrie non ha segnalato aggravamento delle lesioni dopo il parto.
Non muove bene la bocca
Per effetto dell’ipoplasia un angolo della bocca non si abbassa. Si tratta di un’anomalia congenita piuttosto frequente nel neonato.
Analisi preventive per una bambina di un anno
Gli esami andrebbero prescritti non per controllare se una bimbina sta bene, ma per cercare conferma a seguito di un sospetto clinico fondato e motivato.
Bambini, adolescenti e social network
I social network sono uno strumento per favorire lo scambio di informazioni e la conoscenza reciproca. E' necessario un attento controllo da parte dei genitori.

Quiz della settimana

Secondo il calendario vaccinale in vigore in Italia, il vaccino antipoliomielite:
viene somministrato per via intramuscolare
viene somministrato per via orale
viene somministrato prima per via intramuscolare e poi per via orale nei richiami successivi
non viene più somministrato perché la malattia è ormai scomparsa