ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Gli scappa sempre la pipì

A mio figlio di cinque anni scappa spesso la pipì. Questo problema si risolverà crescendo? Il consiglio dell'esperto.

a cura di: Dott. Giuseppe Varrasi (pediatra)

Il mio bambino, di cinque anni, avverte con eccessiva frequenza la necessità di urinare: scappa continuamente in bagno, anche per poche gocce di urina. Non riusciamo a capire se si tratti di una abitudine, di un problema psicologico o di una oggettiva difficoltà a controllarsi. Gli esami fatti un anno fa escludevano infezioni o anomalie varie.
Di notte lo svegliamo ancora, una sola volta, poiché fino a qualche mese fa non si svegliava per urinare e bagnava di frequente il letto. Sono necessari approfondimenti ulteriori e accertamenti clinici o si può pensare che tutto si risolverà pian piano?

Se un esame urine con urinocoltura non ha dato risposte patologiche, molto verosimilmente si tratta di poliuria da stress, cioè di un modo di reagire a situazioni di pressione psicologica. Non fatevi troppe domande sul perché: molto spesso la famiglia non fa nulla di sbagliato. La crescita, tuttavia, è di per sé una situazione stressante, che pone il bambino di fronte a problemi per noi banali e invece per lui scogli da affrontare.

Aspettate con pazienza: si sistemerà. In alternativa, si può pensare a forme di immaturità del controllo vescicale, nelle quali la tenuta dell'urina è assicurata al prezzo di manovre di sostegno perineale (contrazione della muscolatura intorno ai genitali, pressione manuale, "balletti o saltelli"); in queste situazioni spesso c'è difficoltà a controllare l'inizio e la fine della minzione (cioè, l'atto dell'urinare), nonché la tendenza a perdere gocce di urina; inoltre, un altro segno tipico è la sensazione di "urgenza", cioè l'avvertire lo stimolo ad urinare non come senso di pienezza vescicale (addominale, quindi), ma come stimolo uretrale (esterno).

Il disturbo può essere minimo e destinato a risolversi con la crescita, oppure condizionare pesantemente la vita di relazione, fino ad una vera e propria enuresi diurna. Se questo è quanto accade, può essere consigliabile una valutazione urologica pediatrica e, quando sarà più grande, un ciclo di "ginnastica vescicale", cioè l'adozione di una serie di esercizi di continenza (ad esempio "tenere la pipì e contare fino a 10 prima di farla").

1/1/1997

5/11/2012

X

Sai che puoi avere tutti i giorni un consiglio del Pediatra? Iscriviti gratis alle nostre Newsletter!

Tutti i giorni le Pillole di Pediatria, un consiglio del Pediatra sulla salute del tuo bambino, su misura per la sua età. E se sei in attesa, 9mesi è la newsletter che ti accompagnerà per tutta la gravidanza, settimana dopo settimana.
Scrivi qui sotto la tua email e clicca su OK!

I commenti dei lettori

ho una bambina di 5 anni che da due anni circa non riesce a trattenere pipi' ed ogni volta che vedo la sua mutandina la trovo sempre bagnata di urina. inoltre chiede spesso di andare al bagno, ed ha fatto ecografia ai reni e vescica, analisi di urine e l'unico risultato strano e' stato riscontrato 5 di proteine nelle urine, che dobbiamo fare? domani ripetero' le urine a distanza di 3 mesi dalle ultime. grazie.

francesca (FG) 26/10/2010

Anche il mio bimbo di quasi sei anni ha iniziato da un mese circa a bagnare le mutandine solo di giorno; all'inizio si trattava solo di qualche goccia; poi man mano il problema è aumentato sia a scuola che a casa o fuori casa. Dall'esame delle urine non risulta nessun tipo di infezione; vero è invece che lo stress psicologico dovuto ad un repentino trasferimento ( a Settembre) e a tutto ciò che ne consegue (nuova casa, nuova scuola, nuovi amichetti, niente nonni, niente cuginetti...) potrebbe aver avuto un peso non indifferente! Eppure all'inizio, a Settembre, pareva essersi ambientato benissimo... ora invece...Avrò fatto la scelta giusta????

Emanuela (BO) 10/05/2011

ho una bambina di 4 anni e da qualche settimana mi dice sempre che le scappano gocce di pipi,le danno fastidio le mutande perchè le sente bagnate..anche appena dopo aver fatto la pipi dice di avere questo problema la lavo le passo le salviette ma niente si lamenta comunque.non so cosa fare!!

vale (CN) 21/11/2012

il mio bambino di tre anni e mezzo , ho notato che quando beve del succo di frutta a grandi difficoltà a tenere la pipi', potrebbe trattarsi di una forma di intolleranza oppure una debolezza della vescica?

Giuseppe (TA) 19/04/2013

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Gli scappa sempre la pipì"

Megauretere e ipoplasia renale
Gli è stata diagnosticata una ipoplasia al rene sinistro ed un megauretere destro senza reflusso. È davvero necessario asportare il rene che non funziona?
Megauretere ostruttivo
L'urina non passa bene e l'uretere si dilata
Idronefrosi
L'idronefrosi congenita è una dilatazione del pelvi renale e dei calici renali dovuta ad una anomalia congenita della giunzione tra il rene e l'uretere.
Digrigna i denti
Il digrignare i denti in medicina si dice bruxismo. Molti bambini iniziano come movimento finalizzato a qualcosa che poi diventa abitudine consolidata.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

A sei anni fa ancora la pipì a letto
A sei anni porta ancora il pannolino di notte. Il problema dell'enuresi richiede, specie nei bambini grandicelli, un approccio impegnativo
Non vuole più andare in piscina
E' andata in piscina volentieri le prime volte, ma adesso fa i capricci e non vuole più andare. Come risolvere la situazione.
Un elettrocardiogramma per prevenire la sids
La morte in culla o SIDS (Sudden Infant Death Syndrome) è un evento che avviene in ogni paese del mondo. L'età di maggior rischio è nei primi mesi.
Mamma e depressione post-partum
La nascita di un bambino non sempre è un immediato motivo di gioia e di eccitazione per la mamma. Spesso la mamma va incontro a una depressione post-partum.
Salvamamme: il numero verde per la gravidanza estrema e il parto anonimo
Il numero verde per la gravidanza estrema e segreta e il parto anonimo 800 283210.

Quiz della settimana

Quale tra le seguenti non è una complicanza del morbillo?
Otite media acuta
Polmonite
Encefalite
Nefrite