ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

approfondire insieme al Pediatra

I farmaci che agiscono contro il virus dell'influenza

Attualmente sono in commercio in Italia tre farmaci contro il virus dell'influenza: sono l'amantadina, l'oseltamivir e lo zanamivir.

a cura di: Dott. Massimo Generoso (pediatra)

Attualmente sono in commercio in Italia tre farmaci contro il virus dell’influenza: sono l’amantadina, l’oseltamivir e lo zanamivir.

L’amantadina è indicata, a partire da un anno di vita, per la prevenzione e il trattamento dell’influenza causata dai virus di tipo A. L’utilizzo di questa medicina è associato ad effetti collaterali (disappetenza, nausea, nervosismo, difficoltà di concentrazione, insonnia, vertigini, convulsioni, disturbi visivi, ecc.) e quindi non è consigliato se non in particolari condizioni.

L’oseltamivir è indicato, a partire da un anno di vita, per la prevenzione e il trattamento dell’influenza A e B ed è tollerato meglio rispetto all’amantadina. L’oseltamivir può comunque causare effetti collaterali come vomito, nausea, diarrea, mal di testa, ecc.

In Italia lo zanamivir è autorizzato al commercio con l’indicazione per il solo trattamento di soggetti di età uguale o superiore a 12 anni. Questo farmaco può causare molto raramente broncospasmo (un’involontaria e prolungata contrazione della muscolatura liscia dei bronchi) e difficoltà respiratoria.

L’uso preventivo dei farmaci antivirali non è raccomandato di routine durante le epidemie stagionali di influenza.

Bisogna precisare che gli antivirali:

  • non sono una alternativa alla vaccinazione;
  • devono essere sempre essere somministrati su prescrizione e sotto controllo medico;
  • devono essere assunti con tempestività: il tempo di somministrazione non deve superare le 48 ore dall’esordio dei sintomi del soggetto malato con cui si è venuti a contatto.

Considerati i costi elevati, i possibili effetti collaterali, le limitazioni d’uso in funzione dell’età e la necessità di una somministrazione giornaliera per periodi prolungati, le medicine antivirali hanno un uso estremamente ridotto per la prevenzione dell’influenza. In particolare ne viene suggerito l’impiego nei soggetti con malattie croniche (dei polmoni, del cuore, dei reni, ecc.) che non sono vaccinati o che hanno controindicazioni alla vaccinazione.

Anche le indicazioni alla terapia antivirale dell’influenza sono molto ristrette, limitate alle seguenti categorie:

  1. pazienti con malattie di base che renderebbero il decorso dell’influenza grave e con complicazioni;
  2. bambini senza malattie preesistenti, ma con sintomi gravi dell’influenza;
  3. bambini con particolari situazioni ambientali, familiari o sociali per i quali l’influenza potrebbe avere conseguenze nefaste;
  4. soggetti con situazioni che richiedano di accorciare la durata della malattia (per esempio in caso di esami o gare sportive).

11/8/2009

19/2/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "I farmaci che agiscono contro il virus dell'influenza"

Vaccinazione contro l'influenza
Si può ammalare lo stesso nonostante abbia fatto la vaccinazione contro l'influenza?
A cosa serve la tosse
La tosse è un importante meccanismo di difesa per liberare le vie respiratorie.
Effetti collaterali del vaccino contro l'influenza
Raramente si possono osservare effetti collaterali. Nella sede d’iniezione può verificarsi la comparsa di rossore, gonfiore e nelle 48 ore succesive.
Il vaccino anti-influenzale
Ogni anno un vaccino nuovo, in base alle mutate caratteristiche del virus.
Contagio dell'influenza
Il contagio dell'influenza avviene attraverso le goccioline di saliva che ciascuno di noi emette e con il contatto con le mani contaminate.
Si può allattare con l'influenza?
L'influenza non è una controindicazione all'allattamento. Si può ridurre il contagio mentre si allatta mettendo una mascherina.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Il ciuccio per il neonato
Il ciuccio può essere utile per tranquillizzare il neonato, anche se, soprattutto nelle prime settimane, potrebbe ostacolare l'allattamento al seno.
Mandarlo in una scuola all'estero
E' piccolo: una scuola all'estero lo farebbe crescere bilingue, ma la famiglia sarebbe costretta a dividersi.
Sindrome di Prader-Willy
La sindrome di Prader-Willy è una malattia complessa la cui incidenza è stimata di circa 1: 10000-25000 nati con una prevalenza dei maschi sulle femmine (2:1).
Allattamento al seno: consigli alla mamma che allatta
I consigli degli esperti di Pediatria On Line alla mamma che allatta al seno.
Calcolo del peso fetale
Come si calcola il peso fetale durante i 9 mesi della gravidanza? I consigli degli esperti.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina K?
Ha un'azione anti-ossidante
Aiuta l'organismo a difendersi dalle infezioni
Favorisce la trasmissione degli impulsi nervosi
Ha un'azione antiemorragica