ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Perchè è utile il vaccino contro l'influenza

Vaccinarsi è il modo migliore di prevenire e combattere l'influenza, perché non si contrae la malattia o la si contrae in forma più leggera.

a cura di: Dott. Massimo Generoso (pediatra)

Vaccinarsi è il modo migliore di prevenire e combattere l'influenza, sia perché si riducono in modo sensibile le probabilità di contrarre la malattia sia perché, in caso di sviluppo di sintomi influenzali, questi sono molto meno gravi e, generalmente, non sono seguiti da ulteriori complicanze.

Il vaccino aiuta l’organismo a produrre i nuovi anticorpi adatti a fermare il nuovo virus influenzale della stagione non appena questo aggredisce l’organismo.

Esso rappresenta il più mezzo efficace e più sicuro per prevenire la malattia e le sue complicazioni, agendo come protezione individuale nei confronti del virus influenzale. Bisogna precisare che la vaccinazione protegge non soltanto la persona vaccinata ma anche i soggetti non vaccinati, dato che rallenta la diffusione e la circolazione del virus influenzale; questo fenomeno è chiamato immunità di gregge (herd immunity), in grado di interrompere la catena del contagio.

L’efficacia della vaccinazione negli adulti sani varia dal 70 al 90%. Nei bambini e nei ragazzi fino a 16 anni l’efficacia è pari a 60-70%. Qualora la protezione non sia completa, il soggetto vaccinato, anche se contrae l’influenza, sviluppa sintomi lievi.

La protezione indotta dal vaccino comincia due settimane dopo l’inoculazione e perdura per un periodo di 6-8 mesi, poi tende a diminuire. Per questo motivo e perché possono cambiare i ceppi in circolazione è necessario ripetere la vaccinazione all’inizio di ogni stagione influenzale: il periodo più indicato va da metà ottobre a fine dicembre.

11/8/2009

15/9/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Perchè è utile il vaccino contro l'influenza"

Terapia dell'influenza
Più che curare l'influenza, si alleviano i sintomi.
Il virus dell'influenza
L'influenza è trasmessa da un gruppo di virus specifici, detti virus influenzali, classificati in tre diversi tipi (A, B, C).
Epidemie di influenza
L'influenza causa epidemie in inverno. Studiare l'impatto dell'influenza sulla popolazione aiuta a distinguere l'influenza dalle altre forme virali.
Quando non si fa il vaccino contro l'influenza
Poche sono le situazioni in cui è meglio non fare la vaccinazione. I consigli del Pediatra.
Influenza e vaccino antinfluenzale
L'influenza è una malattia molto contagiosa: alcuni consigli sul vaccino antinfluenzale.
Effetti collaterali del vaccino contro l'influenza
Raramente si possono osservare effetti collaterali. Nella sede d’iniezione può verificarsi la comparsa di rossore, gonfiore e nelle 48 ore succesive.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

E' stato operato per una malformazione venosa dei polmoni
E' stato operato per una malformazione venosa dei polmoni. Quali saranno le conseguenze per la sua vita futura? Le cause non sono ancora chiare.
La crosta lattea
La crosta lattea: da che cosa è causata, come si manifesta e come si cura.
Rientro a casa dopo una giornata nera
I consigli dello psicologo per affrontare il rientro a casa dopo una giornata nera.
Seno ingrossato nel neonato
È normale che il neonato abbia il seno ingrossato. Si tratta della crisi genitale, un fenomeno ormonale che passerà da solo.
Sesso in gravidanza
L'attività sessuale durante la gravidanza non solo non è dannosa, ma è fonte di benessere per la coppia e per il bambino che nascerà.

Quiz della settimana

Quale delle seguenti affermazioni riguardanti il tetano è corretta?
Può colpire il neonato
E' una malattia contagiosa
E' dovuta a un virus
Prima di manifestarsi ha un periodo di incubazione di più di un mese