ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

Un vaccino antinfluenzale per il futuro: il vaccino nasale

Negli Stati Uniti esiste anche un vaccino influenzale da somministrare per via nasale, che però non è ancora approvato in Italia.

a cura di: Dott. Massimo Generoso (pediatra)

Esiste anche un vaccino influenzale da somministrare per via nasale, in uso negli Stati Uniti. Questo vaccino, non ancora approvato in Italia, è costituito da virus vivi attenuati (due virus tipo A e un virus tipo B) attraverso un processo di adattamento al freddo; i ceppi di virus influenzale sono uguali a quelli del vaccino inattivato che si somministra per via iniettiva.

Ne è consentito l’impiego nei bambini sani dai due anni di età e negli adulti sani fino a 49 anni. Esso è caratterizzato da:

  • facilità d’uso: la somministrazione in ambedue le narici viene effettuata mediante un aerosol;
  • elevata efficacia: è addirittura più efficace del vaccino inattivato nei primi anni di vita.

Gli effetti collaterali si osservano soprattutto nei bambini di età inferiore ai due anni (raffreddore, febbre lieve, respiro fischiante).

Secondo gli esperti, la via di somministrazione nasale potrebbe indurre un maggior numero di persone sane, soprattutto bambini, a vaccinarsi contro l’influenza.

Le controindicazioni sono:

  • bambini di età inferiore a due anni;
  • bambini con febbre da moderata a grave;
  • bambini che hanno ricevuto un altro vaccino vivo attenuato nelle ultime 4 settimane (ad esempio quello contro morbillo-parotite-rosolia);
  • bambini con asma o altre malattie croniche delle vie respiratorie o del cuore;
  • soggetti con sospetto deficit delle difese immunitarie;
  • soggetti trattati con aspirina;
  • soggetti con storia recente di sindrome di Guillain-Barré, una infiammazione dei nervi che causa paralisi progressiva;
  • adolescenti in stato di gravidanza;
  • soggetti con ipersensibilità alle dosi precedenti.

11/8/2009

5/4/2014

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Un vaccino antinfluenzale per il futuro: il vaccino nasale"

Le complicazioni dell'influenza
Complicazioni dell'influenza: anziani e bambini sotto i 2 anni sono i più esposti.
Come si fa il vaccino contro l'influenza
Il vaccino contro l'influenza viene somministrato attraverso un'iniezione intramuscolare nella coscia o nel braccio.
Il virus dell'influenza
L'influenza è trasmessa da un gruppo di virus specifici, detti virus influenzali, classificati in tre diversi tipi (A, B, C).
Alleviare i sintomi dell'influenza
In che modo alleviare i sintomi dell'influenza nell'attesa che la malattia si risolva.
Aspetti socioeconomici dell'influenza
L'influenza può determinare tutta una serie di conseguenze pratiche di grande importanza e di rilevante impatto economico e sociale.
I sintomi dell'influenza
L'influenza si manifesta con febbre, brividi di freddo, mal di testa, dolori muscolari diffusi e marcata spossatezza.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Beve molto: non avrà il diabete?
Bere molto (si dice polidipsia) rappresenta effettivamente uno dei segni del diabete, ma normalmente non è però l'unico segno.
Infezione da Chlamydia nel neonato
Il neonato può infettarsi al momento della nascita durante il passaggio nel canale da parto.
Quando introdurre il glutine nello svezzamento
Il glutine deve essere introdotto nella dieta dello svezzamento del bambino dopo il sesto mese di vita.
Calmare il pianto del neonato
Il pianto del neonato è fatto apposta per non lasciare indifferenti. Non esistono neonati che mangiano, dormono e non piangono mai.
Che ruolo gioca il freddo nelle malattie da raffreddamento?
Il termine "raffreddore" ha ancora senso? La sola esposizione al freddo non può causare una malattia infettiva delle prime vie aeree.

Quiz della settimana

Come si corregge una ernia ombelicale del diametro di 2 cm in un bambino di sei mesi di età?
Applicandovi sopra un cerotto
Con un intervento chirurgico immediato
Entrambe le cose sono da fare
Non si deve fare nulla