ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

L'influenza

L'influenza è una infezione acuta causata da ceppi di "orthomyxovirus" con tre tipi principali di antigeni: A-B-C, i virus influenzali A e B sono i più importanti nella patologia umana.

Come curare l'influenza in un bimbo di quasi 13 mesi tenendo conto che negli ultimi due mesi il bimbo ha già preso antibiotico per 3 volte, in seguito a grossi raffreddori con febbre e lieve otite. Ora il bambino ha preso l'influenza dalla nonna e lo stato febbrile ha raggiunto i 40°C ed è accompagnato da tosse piuttosto secca. Il pediatra per il momento ci ha consigliato di usare solo [nome farmaco contenente paracetamolo] per diminuire la temperatura o, se febbre oltre i 39.5°C, le supposte di [nome farmaco contenente ketoprofene].

L'influenza è una infezione acuta causata da ceppi di "orthomyxovirus" con tre tipi principali di antigeni: A-B-C, i virus influenzali A e B sono i più importanti nella patologia umana.

I sintomi più comuni fra i bambini sono i seguenti: insorgenza improvvisa, inappetenza, dolori addominali, vomito, nausea, adenopatia latero-cervicale (linfonodi ingrossati), faringodinia (mal di gola), rinite (raffreddore), tosse dapprima secca e stizzosa poi catarrale, febbre elevata (>39,5°) poco sensibile all'azione degli antipiretici. Dal momento che la maggior parte delle infezioni influenzali è rappresentata da una malattia fastidiosa ma senza complicanze, il trattamento sintomatico, cioè limitato ad alleviare i sintomi, è spesso l'unica terapia: riposo a letto, molta idratazione, antipiretici per la febbre, farmaci decongestionanti nasali, aria umidificata, antidolorifici per i dolori muscolari. La somministrazione di antibiotici è necessaria nella eventualità di complicazioni batteriche (che possono sempre seguire l'influenza), quali la bronchite, la broncopolmonite, la tonsillite follicolare batterica e l'otite.

1/1/1998

19/3/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "L'influenza"

Influenza
L’influenza è una malattia infettiva acuta dovuta a un virus molto contagioso che interessa l’apparato respiratorio nelle cui cellule.
Vaccino contro l'influenza
Vaccinarsi è il modo migliore di prevenire e combattere l'influenza.
Evitare il contagio dell'influenza
Azioni utili per ridurre la trasmissione dell'influenza.
Effetti collaterali del vaccino contro l'influenza
Raramente si possono osservare effetti collaterali. Nella sede d’iniezione può verificarsi la comparsa di rossore, gonfiore e nelle 48 ore succesive.
Contagio dell'influenza
Il contagio dell'influenza avviene attraverso le goccioline di saliva che ciascuno di noi emette e con il contatto con le mani contaminate.
Si può allattare con l'influenza?
L'influenza non è una controindicazione all'allattamento. Si può ridurre il contagio mentre si allatta mettendo una mascherina.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cure per la miopia nei bambini
La terapia più indicata per curare la miopia nei bambini piccoli. I consigli dell'oculista.
La gravidanza oltre il termine
La gravidanza oltre il termine può determinare un incremento del rischio sia per la mamma che per il bambino.
Scarpine primi passi: la scarpa più adatta
A che età posso cominciare a mettere le prime scarpine per i primi passi a mio figlio? cosa consiglia il pediatra.
Atassia cerebellare dopo vaccinazione antimorbillo-rosolia-parotite
Ha sofferto di una atassia cerebellare benigna post vaccino morbillo-rosolia-parotite.
Ha problemi di svezzamento perché non mangia la pappa
Ha problemi con lo svezzamento perché a sette mesi rifiuta la pappa. I consigli dell'esperto sullo svezzamento.

Quiz della settimana

A che cosa serve la vitamina C?
Ha un'azione anti-ossidante
Favorisce l'assorbimento del ferro
Serve per produrre una sostanza chiamata collagene
Tutte le risposte sono esatte