ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

i nostri medici specialisti dei bambini

L'influenza

L'influenza è una infezione acuta causata da ceppi di "orthomyxovirus" con tre tipi principali di antigeni: A-B-C, i virus influenzali A e B sono i più importanti nella patologia umana.

Come curare l'influenza in un bimbo di quasi 13 mesi tenendo conto che negli ultimi due mesi il bimbo ha già preso antibiotico per 3 volte, in seguito a grossi raffreddori con febbre e lieve otite. Ora il bambino ha preso l'influenza dalla nonna e lo stato febbrile ha raggiunto i 40°C ed è accompagnato da tosse piuttosto secca. Il pediatra per il momento ci ha consigliato di usare solo [nome farmaco contenente paracetamolo] per diminuire la temperatura o, se febbre oltre i 39.5°C, le supposte di [nome farmaco contenente ketoprofene].

L'influenza è una infezione acuta causata da ceppi di "orthomyxovirus" con tre tipi principali di antigeni: A-B-C, i virus influenzali A e B sono i più importanti nella patologia umana.

I sintomi più comuni fra i bambini sono i seguenti: insorgenza improvvisa, inappetenza, dolori addominali, vomito, nausea, adenopatia latero-cervicale (linfonodi ingrossati), faringodinia (mal di gola), rinite (raffreddore), tosse dapprima secca e stizzosa poi catarrale, febbre elevata (>39,5°) poco sensibile all'azione degli antipiretici. Dal momento che la maggior parte delle infezioni influenzali è rappresentata da una malattia fastidiosa ma senza complicanze, il trattamento sintomatico, cioè limitato ad alleviare i sintomi, è spesso l'unica terapia: riposo a letto, molta idratazione, antipiretici per la febbre, farmaci decongestionanti nasali, aria umidificata, antidolorifici per i dolori muscolari. La somministrazione di antibiotici è necessaria nella eventualità di complicazioni batteriche (che possono sempre seguire l'influenza), quali la bronchite, la broncopolmonite, la tonsillite follicolare batterica e l'otite.

1/1/1998

19/3/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "L'influenza"

I sintomi dell'influenza
L'influenza si manifesta con febbre, brividi di freddo, mal di testa, dolori muscolari diffusi e marcata spossatezza.
Alleviare i sintomi dell'influenza
In che modo alleviare i sintomi dell'influenza nell'attesa che la malattia si risolva.
Le complicazioni dell'influenza
Complicazioni dell'influenza: anziani e bambini sotto i 2 anni sono i più esposti.
Si può allattare con l'influenza?
L'influenza non è una controindicazione all'allattamento. Si può ridurre il contagio mentre si allatta mettendo una mascherina.
Terapia dell'influenza
Più che curare l'influenza, si alleviano i sintomi.
Evitare il contagio dell'influenza
Azioni utili per ridurre la trasmissione dell'influenza.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Alimentazione dopo l'anno di vita
Dopo il primo anno, l'alimentazione sarà quasi uguale a quella di un adulto. E' importante che segua una dieta completa e varia.
Dolori alle articolazioni e alla schiena in gravidanza
Durante tutta la gravidanza può capitare di avvertire dei dolori articolazioni e alla schiena.
Macchie mongoliche
Le macchie mongoliche sono lesioni maculari congenite determinate dalla presenza in eccesso nel derma.
Aerofagia
Per evitare l'aerofagia nel lattante è bene utilizzare prodotti a base essenzialmente di finocchio, anice verde, melissa e camomilla.
Gli è stato diagnosticato un reflusso vescico-ureterale
La correzione del reflusso vescico-ureterale può essere chirurgica. La tecnica più frequentemente adottata è quella di Cohen.

Quiz della settimana

Che cosa è il miocardio?
Un osso
Una arteria
Un muscolo
Un nervo