ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

i consigli dei nostri specialisti

Consigli per una dieta equilibrata nei bambini dopo l'anno di età

I consigli per una dieta equilibrata suggerita dal nostro esperto per i bambini dopo l'anno.

a cura di: Dott. Guido Vertua (pediatra)

Sono il papà di Luca, un bimbo di 13 mesi alto 79 cm e pesante 10,9 kg e sano. Vorrei un chiarimento per quanto riguarda l’apporto di proteine nella sua dieta.

  • Pesce e carne sono perfettamente intercambiabili o è opportuno mantenerli comunque entrambi (alternandoli)?
  • Meglio la carne bianca o quella rossa? Dal punto di vista nutrizionale sono equivalenti?
  • Un bambino di quest’età può introdurre nella propria dieta altri salumi magri in alternativa al classico prosciutto cotto magro (bresaola? prosciutto crudo magro?)
  • Proteine vegetali: possono sostituire quelle animali? Quali legumi da questo punto di vista sono più completi? Tutti gli aminoacidi contenuti nella carne sono contenuti anche nei legumi? Per concludere e riepilogare, nei 14 pasti principali di una settimana quante volte è opportuno inserire carne, pesce, prosciutto, uovo?

Le proteine del pesce sono qualitativamente solo di poco inferiori a quelle della carne. Rispetto a quest’ultima, il pesce è però più digeribile in quanto è povero di quel tessuto che tiene unite le fasce muscolari, chiamato connettivo: questi, infatti, è ricco di collagene, una proteina che, quando è presente in elevate quantità, rallenta la digestione.

Il pesce, inoltre, a differenza della carne, contiene grassi polinsaturi particolari chiamati "omega 3" che sono molto importanti per lo sviluppo della retina e del sistema nervoso centrale e che riducono, abbassando il livello di colesterolo nel sangue e proteggendo le arterie, il rischio di malattie cardiovascolari. Il pesce infine è ricco di sali minerali come fosforo e calcio, di ferro e di vitamine (soprattutto A, D, PP, e del gruppo B). Per tutti questi motivi è consigliabile introdurlo nella dieta del bambino 2/3 volte alla settimana.

La distinzione adottata in passato tra carni bianche e rosse ha oggi solo il valore di un pregiudizio. Le carni sono tutte abbastanza simili per valore calorico, per contenuto di grassi e non si differenziano troppo nemmeno per la qualità delle proteine. Non è vero perciò che la carne di pollo o di tacchino o di coniglio sia meno nutriente di quella di vitello o di manzo.

È vero invece che le carni bianche sono, in genere, più magre di quelle rosse. In alternativa al prosciutto cotto è possibile introdurre senza problemi altri salumi quali la bresaola e il prosciutto crudo. Per quanto riguarda il quarto quesito, occorre ricordare che le proteine, quelle sostanze che costruiscono le cellule di qualsiasi organismo vivente e che formano la struttura portante del corpo umano, sono costituite da "mattoni" chiamati aminoacidi. L’organismo può fabbricare da solo la maggior parte di questi aminoacidi, ma 8 (9 per un bambino) deve ricavarli dagli alimenti. Ecco spiegato perché tali aminoacidi sono detti "essenziali".

La carne, il pesce, le uova, il latte contengono tutti gli aminoacidi essenziali e le loro proteine vengono dette "proteine nobili" o ad "elevato valore biologico". I legumi (ceci, lenticchie, piselli, fagioli) invece contengono solo alcuni aminoacidi essenziali e questo spiega perché le proteine vegetali vengano definite a "basso valore biologico". Tuttavia le proteine contenute nei legumi, se vengono accoppiate a quelle presenti nei cereali, si completano al punto da diventare abbastanza simili alle proteine più nobili della carne. Ecco perché nella tradizione popolare i legumi vengono anche definiti come "la carne dei poveri".

Per variare in modo equilibrato la dieta consigliamo di inserire nel corso della settimana la carne 4 volte, il pesce 2/3 volte, le uova 1/2 volte, i salumi (prosciutto cotto o crudo o bresaola) 1/2 volte, il formaggio (fresco o stagionato tipo emmental o parmigiano reggiano) 1/2 volte, i legumi con i cereali 2/3 volte.

1/11/1997

24/2/2010

I commenti dei lettori

Sono la mamma di un bambino di due anni e sette mesi, che non mangia assolutamente il pesce ne tanto meno la carne solo qlc volta le polpette inizio a preoccuparmi anche se la pediatra mi dice di non insistere. l'alimentazione si basa sopratutto su pasta formaggi uova, come posso fare?

amc 09/11/2010

sono una mamma di 2 bambini uno ha 19 mesi quasi e l'altro 5 mesi. Il bambino più grande mi beve solo latte con i biscotti e lo jogurt nient'altro,come mi devo comportare?

dalila (TV) 08/06/2011

Salve, sono la mamma di un bimbo di quasi 10 mesi. Volevo sapere se è consentita l'associazione di legumi(lenticchie, ceci ecc) e carne (rossa o bianca) nell'arco della medesima giornata, o se è il caso di sostituire la carne magari col pesce o formaggio. Grazie mille Rosanna

Rosanna (PA) 30/10/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Consigli per una dieta equilibrata nei bambini dopo l'anno di età"

Quale latte vaccino nello svezzamento?
Passando dal latte di proseguimento al latte vaccino, quale tipo è consigliato nello svezzamento? I consigli del Pediatra.
Intolleranza al fruttosio
Il fruttosio è lo zucchero della frutta. L'intolleranza ereditaria al fruttosio è una rara malattia metabolica, a trasmissione cromosomica.
Disturbi intestinali
Ha scariche di diarrea tre-quattro volte al giorno da parecchi mesi.
Glutine: a che età?
L'età comunemente consigliata per l'introduzione del glutine nella dieta del lattante sono i 6 mesi.
La prima pappa
Gli esperti di Pediatria On Line consigliano la prima pappa nello svezzamento dei neonati verso i 5-6 mesi.
L'obesità nel bambino
Si definisce obesità quando un bambino/a con un peso superiore al 20% del peso ideale per la sua altezza.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Fatica a piegare il ginocchio: menisco discoide
Il menisco discoide è un'affezione congenita che consiste in una alterata forma e dimensione a carico di un menisco.
Perdite vaginali in età pediatrica
Le perdite vaginali in età pediatrica sono attribuibili a flogosi, di varia entità, a carico della vulva e della vagina.
Vomito ciclico
Il vomito ciclico consiste in episodi ricorrenti di vomito violento in assenza di causa organica apparente, spesso con una storia familiare di emicrania.
Da che fattori dipende la statura di un bambino?
La statura definitiva di un adulto dipende sia da fattori genetici che ambientali.
Integrazione del latte materno dopo il 6° mese
Dopo il 6° mese è opportuno provare ad integrare il latte materno introducendo alimenti diversi dal latte.

Quiz della settimana

Quale è la causa più frequente di diarrea in età pediatrica?
Un virus
La salmonella
Un parassita intestinale
Un'intossicazione alimentare