ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Saperne di più

per approfondire insieme

Primo giorno di scuola: come farlo vivere più serenamente

Quali possono essere le accortezze da mettere in atto per far vivere in modo sereno ai propri figli l'ingresso nella scuola elementare?

a cura di: Sig.ra Lucilla Menni (insegnante di scuola elementare)

Il POF: un "piano" dell'organizzazione scolastica

In primo luogo, poiché la paura dell'ignoto dilata le ansie, è opportuno che i genitori leggano con cura il POF (Piano dell'offerta formativa) dell'istituto prescelto, nel quale sono indicati gli orari, i progetti, le varie attività didattiche e anche la modalità con cui saranno accolti gli alunni provenienti dalla scuola materna all'inizio dell'anno.Se quest'ultimo aspetto non fosse presente nel POF, che è in genere consegnato dall'istituto prescelto all'atto dell'iscrizione, è possibile chiedere alla Direzione Didattica delucidazioni in merito. Ciò consente di avere già una gamma di risposte precise di ordine anche pratico da fornire agli interrogativi del figlio o da presentare per renderlo consapevole di come sia scandita la giornata.

"Dare un'occhiata" alla scuola prima che apra

Anche se e' già stato fatto dalle insegnanti della scuola materna, e' positivo inoltre condurre il bambino a vedere l'edificio scolastico per far sì che sia percepito come un ambiente fisico e psicologico "proprio" non distante dal vissuto quotidiano.

Preparare il terreno

Il compito dei genitori si fa fondamentale, però, soprattutto nel preparare "un terreno fertile e ricettivo". Che cosa s'intende con questa espressione? Spesso i timori dei bambini si condensano attorno alla sensazione della propria incapacità di leggere o di scrivere, di discriminare i vari segni grafici quindi della propria "incompetenza" rispetto a quanto, secondo alcuni di loro, la scuola elementare richiederebbe già dal primo giorno.

Il tentativo di iniziare ad "insegnare le letterine", di fornire alcune sommarie nozioni perché non s'arrivi a scuola come una "tabula rasa" e' perciò deleterio sia perché si cristallizzano le insicurezze minacciando l'autostima, talvolta già precaria nei bambini, sia perché si fornisce un prodotto sterile che non ha nulla da spartire con il processo d'apprendimento che la scuola favorirà.

È più proficuo allora suscitare la curiosità e l'interesse proponendo l'ingresso a scuola come l'inizio di un viaggio avventuroso, come l'occasione per fare nuove esperienze, stando bene attenti a non evidenziare solo gli accresciuti doveri o gli ipotetici aspetti normativi o punitivi della scuola ("L'insegnante ti valuterà!"), frutto di visioni obsolete o di propri vissuti negativi.

In conclusione, il ruolo della famiglia è prioritario non solo per stemperare i timori e le ansie dei bambini, ma per mantenere sempre vivi l'entusiasmo e la motivazione dei primi tempi poiché questi sono i veri motori dell'apprendimento e quindi di una serena vita scolastica.

1/9/2000

2/9/2016

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Primo giorno di scuola: come farlo vivere più serenamente"

Non vuole fare i compiti
Frequenta la prima elementare e le maestre dicono che in classe non ha problemi, ma non vuole fare i compiti nel pomeriggio.
Soffre il confronto con altri e ha paura di sbagliare
A scuola soffre il confronto con gli altri e ha paura di sbagliare. I consigli della psicologa per superare questo momento.
Scegliere il tempo pieno a scuola
I dubbi sulla scelta del tempo pieno a scuola. Il punto di vista dello psicologo.
Bambino troppo vivace a scuola
E' fondamentale cercare con serenità di capire i veri motivi che spingono i bambini a comportarsi in modo così vivace. I consigli dello psicologo.
Dislessia: difficoltà nella lettura e/o scrittura
La dislessia è una difficoltà duratura dell'apprendimento della lettura e della scrittura in bambini di intelligenza normale.
Passaggio dalla scuola materna alla scuola elementare
Oltre al cambio dalla scuola materna alla scuola elementare, mia figlia dovrà inserirsi con nuovi amici.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cresce poco, ma è vivacissimo
Se il bambini cresce poco, ma ha una curva di crescita graduale e costante, in genere, non dovrebbero esserci problemi.
Stimolo ad urinare spesso in gravidanza
Lo stimolo ad urinare spesso è un problema frequente in gravidanza, l'incremento progressivo del volume dell'utero provoca una compressione sulla vescica.
Un rene ormai compromesso
Un reflusso vescico-ureterale congenito ha portato ad un rene ormai compromesso. Togliere il rene o correggere il difetto? I consigli dell'urologo.
Difetto interventricolare
Un buchino in mezzo al cuore domande e risposte sul difetto interventricolare.
Idrocefalo
L'idrocefalo è una malattia in cui si ha un accumulo di liquido cefalo rachidiano a livello delle cavità del cervello.

Quiz della settimana

In media qual è l'altezza di un maschietto al compimento dei due anni di vita?
80-81 cm
83-84 cm
87-88 cm
90-91 cm