ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Si rifiuta di andare a scuola

Rifiuta la scuola. Come possiamo aiutarla? E' opportuno starle molto vicino, spiegarle che tutti incontrano delle difficoltà e per questo è necessario parlarne, per superarle.

a cura di: Gaia Sacchi (educatrice di scuola materna)

Mia figlia di otto anni sta attraversando un periodo di rifiuto verso la scuola. Ha cominciato circa un mese fa accusando continui mal di testa ma, dopo aver escluso con l'aiuto del pediatra una causa organica, abbiamo capito che si trattava di una scusa per evitare la scuola. Speravamo che con le vacanze si sarebbe riposata e quindi sarebbe tornato tutto a posto, invece il giorno prima della ripresa delle lezioni ha di nuovo ricominciato a lamentarsi per il mal di testa. Non riusciamo a farle dire se sia successo qualcosa a scuola, insiste che sta davvero male, anche se le ho fatto notare che quando è a casa sprizza energia. Vorrei quindi sapere se mi consigliate di rivolgermi ad uno psicologo per sbloccarla e finalmente mandarla a scuola senza lacrime o se sia meglio continuare ad avere pazienza e non dare troppo peso a questa situazione.

Sono pochi gli elementi a disposizione per fare una "diagnosi". La bambina è sempre andata volentieri a scuola o ha sempre mostrato scarso interesse? Gli insegnanti cosa vi hanno riferito? Prima di rivolgersi ad uno psicologo è opportuno cercare di capire da soli quale possa essere la causa scatenante. Altri bambini della sua classe si comportano come lei o è un caso singolo? Bisogna appurare qual è la situazione parlando con altri genitori, con gli insegnanti, valutare se il rifiuto è seguito da manifestazioni violente, come effettivi mal di testa, nausea o vomito.

Non bisogna sottoporla ad un continuo interrogatorio, ma starle molto vicina, spiegarle che tutti incontrano delle difficoltà e per questo è necessario parlarne, per superarle e che voi genitori le siete sempre accanto. Se si tratta di una crisi leggera, legata ad una situazione di poco conto, come spesso capita (un litigio coi compagni, un'insufficienza...) può darsi che il problema, al momento in cui state leggendo, si sia già risolto e non ci sia bisogno di alcun intervento, altrimenti bisogna approfondire la situazione. Un'altra cosa: qual è il vostro atteggiamento di fronte a questi rifiuti?

La favorite o vi opponete? Se qualche volta cedete le trasmettete il messaggio di poter ottenere ciò che è desiderato e quindi rinforzate il suo atteggiamento di rifiuto. Ci sono altre situazioni in famiglia che le possono creare malessere, delle novità? Quando siamo in presenza di malessere a livello psicologico bisogna valutare la vita del soggetto a 360 gradi e rivolgersi ad uno psicologo solo se non si giunge ad una spiegazione e l'atteggiamento nefasto, come in questo caso il rifiuto, si protrae per lungo tempo, accompagnato da stati di ansia e di malessere.

22/11/2002

18/6/2015

I commenti dei lettori

Io valuterei un colloquio a scuola e poi vedrei cosa fare, letta cosi sembra tanto la situazione di mio figlio che è stato diagnosticato con la DSA... Comunque se vuoi il mio consiglio bisogna muoversi in fretta!

Cristina (MI) 08/02/2012

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Si rifiuta di andare a scuola"

L'ansia da scuola
L'ansia per la scuola si manifesta quasi sempre al momento del primo impatto con la vita di collettività, cioè a tre anni.
Non siamo soddisfatti degli insegnanti
Siamo delusi dagli insegnanti di nostra figlia. Il cambiamento di scuola può compromettere il suo equilibrio? Il parere della psicologa.
Cambio scuola
Traslocheremo a metà dell'anno scolastico. Il cambio di scuola potrà esserle traumatico? I consigli della psicologa.
Si distrae quando fa i compiti
Insegniamo ai nostri figli, fin da piccoli, a trovare un metodo di studio efficace. Ricordando che la collaborazione fra mamma e papà non deve mancare.
Scegliere il tempo pieno a scuola
I dubbi sulla scelta del tempo pieno a scuola. Il punto di vista dello psicologo.
Un caso di tubercolosi a scuola
Nel caso di tubercolosi a scuola è necessario un trattamento preventivo antitubercolare a tutti i compagni.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.
Neonato che dorme nel lettino
Non esistono controindicazioni a fare dormire un neonato da subito nel lettino. Può essere utile l'uso del riduttore per sentirsi più "contenuti".
Giocare a calcio a sei anni
Ci hanno sconsigliato di far giocare a calcio nostro figlio di 6 anni a causa della facilità con cui possono formarsi dei microtraumi alle ossa.
Nonni o baby-sitter?
Quando riprenderò il lavoro, sarà meglio affidare il mio bambino ai nonni o alla baby-sitter? Il consiglio della psicologa.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte