ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

Il Pediatra risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

Bambino troppo vivace a scuola

E' fondamentale cercare con serenità di capire i veri motivi che spingono i bambini a comportarsi in modo così vivace e di individuare le migliori soluzioni possibili.

a cura di: Dott. Massimo Sidoti (psicopedagogista della redazione di www.exducere.com)

Il mio bambino ha quasi sei anni e frequenta la prima elementare. Ieri abbiamo visionato la sua pagella, tutti 9 tranne un unico pesantissimo insufficiente in comportamento. Il bambino è estremamente vivace, disturba in continuazione la lezione e i compagni, e quando non lo fa mette continuamente in bocca qualsiasi cosa gli capiti a tiro. Ha un comportamento simile a casa, anche se in forma ridotta. Malgrado questa sua vivacità non ha problemi nè di apprendimento nè di rendimento, anzi sembra essere un bambino molto intelligente. Non è indietro rispetto ai compagni, comprende le regole al volo (ci chiediamo come faccia visto che è sempre apparentemente distratto). I voti in pagella lo dimostrano. Come possiamo intervenire?

Dietro l’essere vivace spesso si cela un bimbo pieno di creatività. Bambini dotati che manifestano una personalità connotata da una intelligenza che possiamo definire di tipo intuitivo-creativo. Capace d’impostare i problemi in modo non convenzionale e di tentare soluzioni di tipo divergente.

È tipico di un bambino che mal sopporta le attività di ruotine, gli impegni ripetitivi, la precisione formale. La scuola lo interessa fino a quando sa nutrire il suo bisogno di novità, di realizzazioni concrete che gli consentano di affermarsi e di emergere.

Investe sempre in quello che fa una forte tensione emotiva che gli fornisce la spinta e lo conduce a gettarsi nelle sue imprese guidato da una mescolanza di razionalità e istinto. Per i genitori può essere effettivamente difficile gestire un figlio "vivace" per l'imprevedibilità e la tenacia del suo atteggiamento.

Se è vero che questo eccesso di esuberanza caotica e dispettosa può essere la manifestazione di un'indole originale e speciale, è altrettanto vero che in altri casi esprime la presenza nel bambino vivace di una difficoltà o di una mancanza, che deve essere compresa e risolta.

Perciò è fondamentale cercare con serenità di capire i veri motivi che lo spingono a comportarsi così e di individuare le migliori soluzioni possibili. Sta alla sensibilità del genitore individuare le ragioni che potrebbero scatenare un'eccesiva vivacità dei bambini:

  • Troppi stimoli: riduci le attività a favore del gioco,
  • Sono gelosi verso fratellini o sorelline: evidenziarlo conferma le loro sensazioni. Piuttosto falli sentire importanti e asseconda i loro bisogni.
  • Hanno bisogno di muoversi: dopo una giornata all'asilo o a scuola in uno spazio ristretto, portali a giocare all'aperto.
  • Richiedono la tua attenzione: fanno i dispetti, interrompono mentre parli.
  • Ti stanno dicendo: "Mamma, guardami". A volte basta solo dare attenzione per placarli.

Spesso per i bambini vivaci avere troppe figure di riferimento li fa sentire disorientati. Per esempio madre, nonna, zia e babysitter (o vicina di casa): il che significa cambiare di continuo codici comunicativi e modalità educative.

La loro esuberanza "vivace" rivela dunque la difficoltà a "fermarsi", a sentirsi delimitati con costanza nello spazio, nel tempo e nell'affetto.

Nell'attirare l'attenzione, essi chiedono maggiore autonomia, per costruire la loro personalità in via di formazione.
Con questi bambini un po' difficili e vivaci non si devono mai usare toni accesi e nervosi, né punizioni o castighi "esemplari", perché altrimenti si produce l'effetto opposto e il rapporto con lui si struttura nel senso della sfida.

Non etichettare il bambino dicendo, ad esempio, "sei una peste", o frasi simili. Sentirebbe su di sé il peso di un giudizio negativo. Va criticato semmai il suo comportamento, non la sua persona.

30/4/2013

20/1/2017

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "Bambino troppo vivace a scuola"

A scuola si mette a piangere
Come posso aiutarla a superare le prime difficoltà scolastiche? Quando non riesce a fare una cosa a scuola si mette a piangere.
Vessazioni a scuola
A scuola viene fatta oggetto di vessazioni da parte dei suoi compagni di classe. I consigli della psicologa.
Non siamo soddisfatti degli insegnanti
Siamo delusi dagli insegnanti di nostra figlia. Il cambiamento di scuola può compromettere il suo equilibrio? Il parere della psicologa.
Un caso di tubercolosi a scuola
Nel caso di tubercolosi a scuola è necessario un trattamento preventivo antitubercolare a tutti i compagni.
A che età la scuola elementare?
Ci sono problemi ad anticipare l'ingresso alla scuola elementare? I consigli della psicologa.
Si distrae quando fa i compiti
Insegniamo ai nostri figli, fin da piccoli, a trovare un metodo di studio efficace. Ricordando che la collaborazione fra mamma e papà non deve mancare.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Allattamento al seno: poco latte?
Mia moglie che sta allattando al seno la bimba si è accorta di avere poco latte. I consigli del Pediatra.
Artrite reumatoide giovanile
Vari fattori sono ritenuti responsabili dell'artrite reumatoide giovanile, tra i quali ci sono genetici.
La pelle in gravidanza
Durante la gravidanza la pelle di solito diventa più bella e lucente, grazie alla nuova situazione ormonale.
Linfadenite tubercolare
Il termine di linfadenite tubercolare indica l'infiammazione di una o più ghiandole linfatiche (linfonodi).
Mio figlio di due anni dice le parolacce
Fino ai 2 -3 anni i bambini pronunciano tutte le parole attribuendo ad esse la stessa rilevanza. Cosa fare se un bambino dice le parolacce.

Quiz della settimana

Che cosa si intende per sudamina?
Una malattia contagiosa della pelle
Una malattia degenerativa delle ghiandole che producono il sudore
Una malattia genetica che causa un'alterazione della composizione del sudore
Un'irritazione della pelle dovuta ad un'eccessiva produzione di sudore