ICP

l'informazione
dalla parte dei bambini

MAMMAePAPA' MAMMAePAPA' MammeBio Mammebio BABYCHEF Babychef BIMBINVIAGGIO Bimbinviaggio LIBRIandCO Libri&Co PEDIATRIA ON LINE Pediatria On Line
Loading
X

Avviso cookies

Questo sito web utilizza cookie tecnici al fine di rendere più efficace la navigazione. Alla pagina "Policy dei cookies" trovi l'informativa e le istruzioni per gestire le impostazioni del browser.
Proseguendo nella navigazione dichiari di accettare la nostra policy dei cookies.

L'esperto risponde

tutte le risposte dei nostri specialisti

A scuola soffre il confronto con altri e ha paura di sbagliare

A scuola soffre il confronto con gli altri e ha paura di sbagliare. I consigli della psicologa per come rassicurare la bambina e farle superare questa fase.

a cura di: Gaia Sacchi (educatrice di scuola materna)

Vorrei proporre un problema sorto con mia figlia che ha iniziato la prima elementare: apparentemente va volentieri a scuola, si alza al mattino senza problemi però, all'uscita, è sempre sconsolata e soffre il confronto con altri, e ha paura di sbagliare. Premetto che noi non le facciamo alcuna pressione. La maestra dice che lei pretende molto da sé stessa e piange se non riesce a fare qualcosa. Come possiamo aiutarla a superare questo momento ed essere più serena? Non nascondo di essere molto confuso.

La scuola elementare rappresenta un ambiente competitivo, maggiormente rispetto alla scuola materna. Ai compiti seguono delle valutazioni, la lettura ad alta voce suscita confronti con altri compagni e il più debole, se commette degli errori, ne soffre; ragione per cui il primo impatto con la scuola elementare può essere negativo.
Questo tipo di bambino ha bisogno di essere rassicurato, evidenziando le cose che è in grado di fare e non solo quelle prettamente scolastiche. Generalmente è un bambino che tende a chiudersi, isolarsi dai compagni, perché teme di essere rifiutato, perciò un genitore può intervenire favorendo contatti frequenti cogli amici, al di fuori della scuola. Ha bisogno di essere capito e di comprendere che tutti noi abbiamo dei lati positivi e negativi, che anche mamma a volte non è in grado di..., o sa svolgere meglio di papà alcune cose. Bisogna rassicurarlo, evidenziare le sue capacità, ma mantenendosi obiettivi, perché i bambini conoscono i propri limiti e le troppe adulazioni possono essere interpretate come menzogne.

14/1/2004

25/12/2015

Tutti gli ultimi commenti

Ti interessano i commenti dei lettori ad altri articoli? Trovi i più recenti alla pagina BLOG

Scrivi anche tu un commento a questa pagina:

Questo è il tuo spazio: SCRIVI QUI il tuo commento, regalaci la tua esperienza, arricchisci la pagina con la tua storia. Attenzione: NON usare questo box per fare DOMANDE agli esperti!

Altro su: "A scuola soffre il confronto con altri e ha paura di sbagliare"

Scuola materna, scuola elementare
Secondo voi è importante scegliere una scuola materna che offra la continuità con la scuola elementare? I consigli della psicologa.
Scuola a tempo pieno o orario normale
Per scegliere una scuola a tempo pieno o orario normale è importante assistere alla presentazione della scuola e seguire il proprio istinto.
Rapporti tra genitori, figli e insegnanti
E' importante migliorare i rapporti tra genitori, figli e insegnanti per raggiungere insieme nuovi obiettivi e ottenere risultati personali soddisfacenti.
L'ansia da scuola
L'ansia per la scuola si manifesta quasi sempre al momento del primo impatto con la vita di collettività, cioè a tre anni.
Il desiderio di imparare si apprende in famiglia
Il desiderio di imparare si apprende in famiglia, dall'atteggiamento di ricerca, curiosità che dimostrano gli adulti.
Mandarlo in una scuola all'estero
E' piccolo: una scuola all'estero lo farebbe crescere bilingue, ma la famiglia sarebbe costretta a dividersi.
logo Quandonasce

Calcola la data prevista del parto

Inserisci la data dell'ultima mestruazione e clicca su "calcola"

Ultimi articoli in pubblicazione

Cortisone per la febbre
La cura deve essere proporzionata al disturbo. Per abbassare la febbre, normalmente, il farmaco di prima scelta è il paracetamolo.
Rifiuta il biberon
Rifiutare il biberon è un comportamento frequente. La tettarella ha spesso un gusto di cloro.
Succhia il dito
Succhia il dito e non ha nessuna voglia di smettere. Il consiglio è di aspettare, lavorando sui premi piuttosto che sulle punizioni.
Acetone
Acetone o chetosi: una situazione molto frequente in età pediatrica ed è dovuta ad un disturbo momentaneo del metabolismo del bambino.
Depressione post-partum
La depressione post-partum o depressione post-natale è un disturbo dell'umore che colpisce molte donne nel periodo immediatamente successivo al parto.

Quiz della settimana

I lattanti che assumono latte materno hanno un minor rischio di contrarre:
Otiti
Gastroenteriti
Polmoniti
Tutte le risposte sono esatte